Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Insegnanti: stipendi di partenza poco allettanti in tutta Europa

tradotto da La Rivista dell'Istruzione e della Cultura

Nella categoria: HOME | Cultura in Europa

In quasi tutti i paesi europei, il salario di base al netto degli insegnanti all'inizio della carriera è inferiore al PIL nazionale pro capite e, se si eccettua qualche raro Stato membro, non potrà neanche raddoppiare alla fine della loro carriera professionale.

Queste sono le principali conclusioni di un rapporto che confronta gli stipendi di insegnanti e dirigenti scolastici di pubblico impiego nei 27 Stati membri, in Islanda, nel Liechtenstein, in Norvegia e in Turchia. I dati presentati, che si riferiscono all'anno scolastico 2009/2010, ricoprono l'insegnamento dalla scuola materna alle scuole secondarie. Secondo i numeri a disposizione, e tenuto conto insieme sia dei salari di base che delle indennità ricevute, gli insegnanti i meglio remunerati dell'Unione europea si trovano nel Lussemburgo, in Danimarca e in Austria e i meno remunerati, in Bulgaria e Romania. Si contano attualmente 6 milioni d'insegnanti negli Stati membri. La pubblicazione di questo rapporto, stabilito dalla rete Eurydice della Commissione Europea, ha coinciso con la Giornata mondiale degli insegnanti (5 ottobre).

La Sig.ra Androulla Vassiliou, commissario per l'Educazione, la Cultura, il Multilinguismo e la Gioventù, ha dichiarato:

Ammiro molto sinceramente i nostri insegnanti, che danno un contributo decisivo alla vita dei bambini e alla nostra società. Essi formano i talenti di domani e sono al cuore dell'azione intrapresa dalla Commissione per aiutare gli Stati membri a migliorare la qualità dei loro sistemi d'insegnamento e di formazione. Dobbiamo incoraggiare i più talentuosi tra i nostri diplomati per scegliere l'insegnamento e la carriera dell'insegnante. I salari e le condizioni di lavoro devono essere una priorità se vogliamo attirare e salvaguardare i migliori insegnanti.

Il rapporto mostra che in tutti i paesi, ad eccezione di Germania, Spagna e Portogallom gli insegnanti percepiscono un salario di base netto inferiore al PIL nazionale pro capite quando cominciano a lavorare. Soltanto in tre paesi (Cipro, Portogallo e Romania), è possibile per loro raddoppiare il loro stipendio di base nel corso della loro carriera. Tuttavia, anche in questi paesi, servono più di 20 anni di carriera per raggiungere la cima della scala degli stipendi.

Nella maggior parte dei paesi europei, lo stipendio di base è completato da un vasto ventaglio d'indennità, ma nella metà di questi soltanto tali indennità riguardano una ricompensa specifica per un livello superiore di qualifica professionale o di eccellenza nell'insegnamento.

In numerosi paesi, la remunerazione effettiva degli insegnanti, con i complementi salariali inclusi, è vicina ai livelli più elevati della scala degli stipendi, e questo si spiega con l'invecchiamento del corpo insegnante e le indennità che questo arriva a percepire. Grazie a queste indennità, la paga degli insegnanti è, mediamente, superiore all'ultimo gradino della scala di retribuzione in Danimarca (61.804 euro), in Grecia (22.817 euro) e in Gran Bretagna (35.580 euro).

In generale, gli insegnanti in Europa hanno conservato il loro potere d'acquisto nel 2009 e, nel 2010, la crisi economica a avuto ripercussioni sul loro stipendio solo in alcuni paesi (Irlanda, Grecia, Spagna, Lettonia e Romania). Nel corso dello stesso periodo, i Paesi Bassi e la Polonia hanno aumentato il salario dei loro insegnanti. In molti altri paesi, le misure d'austerità recenti o prossime potrebbero ripercuotersi sui salari degli insegnanti e sulle spese nel settore dell'educazione in generale. Tuttavia, numerosi governi europei riservano attualmente all'educazione un posto privilegiato nei loro programmi di riforme.


Evoluzione dello stato salario di insegnanti e dirigenti scolastici nel settore pubblico tra l'anno 2008/09 e l'anno 2009/10.
Fonte: Eurydice

Per leggere il rapporto completo (in inglese): http://eacea.ec.europa.eu/education/eurydice/documents/tools/salaries.pdf

torna su


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina



I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG



www.letteratour.it