Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Rossana d’Ambrosio,
Oltre l’attesa

di Massimo Rondi

Nella categoria: HOME | Recensioni

Quando attendi qualcuno, attendi giustizia, attendi una cura,
vivi come nel grembo di un carcere, in bilico tra
angoscia e speranza, finché scenari inattesi
allenteranno le tue catene.

http://www.angolomanzoni.it/libri/leggi/617/oltre-l-attesa-a-grandi-caratteri
 12-2011, ISBN 978-88-6204-112-6   Euro 14,00 pp. 272 cm 15 x 21

L’inatteso incontro con Lorenzo, mi aveva catapultato dinanzi a un personaggio di grande fascino intellettuale, travolgente e dai risvolti imprevedibili.
V iveva con la valigia in una mano e l’endoscopio nell’altra. Parlava fluentemente quattro lingue. Un terzo della sua vita lo trascorreva in aereo, da un congresso a un altro, tenendo conferenze in giro per il mondo. Nel suo reparto, era possibile trovarlo non più di due giorni a settimana. E, proprio in uno di quei giorni, lo incontrai nel lungo corridoio dell’ospedale.
Tutto fu precipitoso fra noi. Passionale, impetuoso, senza argini e rigore alcuno.
Dall’ardore di un rapporto consumato troppo in fretta sul divano del suo studio, a un’ora dal nostro primo sguardo, pensavo di giungere a un legame profondo che accostasse al talamo bollente il tepore del focolare.
Mentre lui, con le sue cure, restituiva a mio padre la vita, io consegnavo la mia.

Questo il testo che Rossana d’Ambrosio ha voluto in quarta di copertina della sua opera d’esordio.
È abbastanza normale che un giornalista, quando scrive un libro, si serva del suo lavoro per promuoverlo. Ma è la prima volta che mi capita di incontrare una scrittrice che, con il suo libro, vuole sostenere il suo lavoro di giornalista.
È il caso di Rossana d’Ambrosio che ha destinato i proventi della vendita del libro “Oltre l’attesa” (edito or ora da Edizioni Angolo Manzoni a Grandi Caratteri, ovverosia ad alta leggibilità) a sostenere la sopravvivenza, la stampa e la diffusione dei giornalini che dirige: Vivacemente, VivacementeDue (distribuiti gratuitamente nelle scuole) e VivacementeTre, con un focus specifico sulla Terza Età e distribuito gratuitamente in  farmacia. Si tratta infatti di pubblicazioni indipendenti, che non ricevono  contributi ma si sostengono solo  con la pubblicità. Quando le aziende possono permettersela.
Questo per capire la scrittrice Rossana d’Ambrosio, architetto, giornalista pubblicista.
Che inizia il suo libro con una dedica molto forte:

Vorrei dedicare questo libro a chi trascorre la vita, per libero arbitrio o per costrizione, all’interno delle “istituzioni totali”.
Chi vive in convento fa una scelta in base al suo credo e ai suoi ideali.
Chi si trova fra le mura di un ospedale o di un carcere sta compiendo un percorso che lo dovrebbe portare a una vita migliore.
Auspico che questo percorso non sia gratuitamente doloroso, ma porti a una ‘guarigione’ vissuta nel pieno della dignità e del rispetto dei diritti umani.

Se volete seguire una trama appassionante, e al tempo stesso riflettere sulla realtà delle Istituzioni Totali, soprattutto delle carceri, leggete “Oltre l’attesa” (la grafica ad alta leggibilità lo rende ulteriormente piacevole): un libro che si legge tutto d’un fiato, scritto in una prosa leggera ed emotiva...

Ma non fermatevi a questo. Perché in realtà il romanzo presenta molti, diversi, spunti e percorsi di lettura, di cui il primo e unificante è quello del “viaggio catartico”, attraverso “l’attesa” del vero compimento di se stessi. Come scrive l’artista Sara Venturino, si tratta di “un racconto che tocca nel profondo, scavando nell’animo umano e mettendone in luce le debolezze, il dolore e i lati più bui con una leggerezza non scontata, senza luoghi comuni, senza indugiare su cliché scontati, in maniera schietta, semplice e incisiva”.

La trama di “Oltre l’attesa” è stata scelta al Salone del Libro 2010, nell’ambito dell’iniziativa di Radio1 Rai, TRAMATE CON NOI, condotta da Vito Cioce con Claudio Gorlier. Però l’autrice si rammarica quasi che la trama sentimentale, la tormentata e fisica passione col contro-protagonista Lorenzo, sia prevalsa sugli altri spunti. Cioè la riflessione sulle Istituzioni totali, condotta con uno spirito propositivo, le citazioni di “psicologia dell’arte” e i gustosi percorsi nella Torino del maquillage olimpico.

La vicenda prende l’avvio dall’inaspettato incontro fra un uomo e una donna, nelle corsie di un grande ospedale. Come nei romanzi di formazione la protagonista si butta nella vita e nel mondo, assapora emozioni, sperimenta un tumultuoso amore, si scontra con dure realtà... Lungo un percorso che apre strade importanti, la scultrice Eleonora Ferreri vive molteplici e inattese esperienze: “Se non ti aspetti l'inatteso non lo scoprirai, sfuggente e improbabile com'è” ha detto Eraclito.
Così l’autrice riassume il significato di quel percorso:

...Chiusi gli occhi e respirai lentamente. Mi sentivo leggera, senza corpo, poi iniziai a visualizzare chiaramente un’immagine: un lungo e tortuoso percorso aggrovigliato che arrivava a una casa.
Vedevo un disegno stilizzato su un foglio bianco, una visione dall’alto.
La mia interpretazione fu che la strada rappresentasse la mia vita fino a quel momento e la casa riproducesse la mia esperienza, il mio bagaglio interiore e tutto ciò che ero riuscita a realizzare. Non era quindi una casa raggiunta per caso, ma si era concretizzata proprio percorrendo quella strada.
Mi dissi che, senza dubbio, risulta più importante ciò che si raggiunge rispetto all’amenità della strada che si percorre. Mi domandavo: “Se la strada fosse stata più lineare, praticabile, arricchita da bei panorami, senza pedaggi da pagare, ora starei meglio e sarei più felice?”

L’incipit della storia ha già il respiro della prima attesa, con quell’ “ancora non sapevo” che crea suspense:

Mi attendeva una lunga, intensa, indimenticabile giornata, ma ancora non sapevo, né potevo immaginare, che cosa da lì a poche ore sarebbe accaduto. Provavo una vaga sensazione che mi rendeva emozionata e radiosa. Avvertivo quasi un’aria di festa mentre, attorno a me, infermiere in bicicletta sfrecciavano con le provette riposte nel cestino sulla ruota posteriore. Parevano adolescenti in gita con la merenda nel paniere e questa scena, apparentemente vacanziera, esaltava la percezione di leggerezza che provavo.
Eravamo in inverno e quel sabato con la sua luminosità inaspettata, quasi estiva, si rifletteva sul mio aspetto. In quel momento, il sole l’avevo già dentro e questo mi predisponeva al meglio con il resto del mondo.

Anche lo stile, alto, e il linguaggio, ricco, sono apprezzabili. Cito il commento del Professor Angelo Nobile, docente di Letteratura per Ragazzi all'Università di Pavia: “Un bel romanzo, esistenzialmente arricchente e di grande fascino. A parte la trama e il trascinante andamento narrativo, trovo che il libro sia scritto molto bene, con straordinaria padronanza della lingua e limpidezza di stile. Lei rivela la tempra di una grande scrittrice anche quando si rivolge a un pubblico tardo-adolescenziale e adulto”.
Sul sito di 10 Righe dai libri potete scaricare le prime 20 pagine del romanzo: http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/oltre-lattesa

torna su


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina



I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG



TORNA SU
www.letteratour.it