Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Chiara Guidarini
Io, Virginia

Nella categoria: HOME | Recensioni

Titolo: Io, Virginia
Autore: Chiara Guidarini
Editore: Linee Infinite
Pagine: 138
Prezzo: € 10,00
ISBN: 978-88-6247-031-5

Mancano pochi giorni al matrimonio di Sara e tutto sarebbe magnifico se non fosse per l’inquietante presenza che, di tanto in tanto, irrompe nella sua quotidianità.
L’ombra di una duchessa morta da secoli le narra lentamente la sua storia, obbligandola a ripercorrere i luoghi dove dimorò per ricostruire ogni singolo tassello della sua vita, fino a comprendere appieno cosa voglia da lei.
In un parallelo di esistenze, in bilico tra passato e presente, si consumano le vicende di due donne apparentemente diverse ma unite da un destino comune.
Virginia De’Medici, sposata contro la propria volontà per ragione di stato a un Duca che non ama, e Sara Varzi, che sta per legarsi all’uomo che invece ama.
Passione, ragione, sentimento e follia si intrecciano in un mosaico di eventi capaci di sovrapporre ciò che avvenne a ciò che sarà.

«Ho alzato gli occhi e ho visto il mio palazzo scomparire dietro la collina e la mia Firenze, impregnata di artisti e opere d’arte, che mi osservava immobile da lontano. Mi sembrava quasi di sentirla piangere, sussultare, agitarsi, mentre l’abbandonavo con il mio sposo accanto a me nella carrozza che sobbalzava, in quella tiepida giornata di marzo...»
I miei sussurri, flebili ma pieni di enfasi, avevano colorato ancora una volta l’austerità della stanza. Mentre parlavo le pareti bianche erano scomparse, crollate, mai esistite: al loro posto si erano levate alte le cupole di Firenze e i fieri rintocchi della campana del Duomo; larghi vestiti e caldi mantelli avvolgevano persone riccamente bardate, proiettandomi in un tempo lontano fatto di colori, suoni, realtà diverse da quella in cui vivevo.
Tutto andava bene, mentre narravo: mi sentivo anche abbastanza convincente.
Ma quando tacevo, quando permettevo al silenzio di invadere la stanza, la dura realtà tornava a essere la brusca battuta d’arresto dei miei pensieri.
E l’espressione vacua dell’uomo che mi aveva ascoltata non contribuiva a migliorare il senso di smarrimento che mi opprimeva quando quel lontano mondo scompariva e tornavo a essere nient’altro che me stessa.
Il dottore, un uomo sulla cinquantina dagli occhi vispi, aveva sospirato piano, e il suo sguardo si era levato placidamente sugli scaffali carichi di libri, per poi incontrare i miei occhi stanchi, gli occhi di una donna abbattuta, sfinita e… Pazza.
«Sara, mi hai già raccontato questa storia», decretò in tono comprensivo, il tono riservato a chi tratta con i matti. «Dimmi, in che anno siamo?»
«Nel 2006, dottore», risposi stancamente.
Mi lanciò un’occhiata d’intesa, quasi compiaciuta. La penna sul taccuino prese a muoversi velocemente, imbrattando di scie d’inchiostro la bianca pergamena.
Pergamena? Da quando usavo quel termine per un foglio?
«E in che anno si sono verificati gli eventi che mi stai raccontando?», stava chiedendo, con la voce docile impregnata di calma studiata.
«1586», mormorai, tenendo gli occhi puntati sui suoi come un soldato in attesa di ricevere un nuovo ordine dal suo generale.
Ti imbottirà di tranquillanti anche questa volta, decretò la voce della mia coscienza. Feci una smorfia che il dottore non notò, tutto preso dal rifilarmi la solita pappardella.
«Si tratta di immaginazione, Sara. E la tua immaginazione è così forte da farti credere di vivere la storia di un’altra persona.»
Avrei sbuffato se non l’avessi fatto tutte le altre volte che aveva esordito nella stessa, identica, maniera. Questa volta decisi di provare in modo diverso.

Un nuova prova letteraria per Chiara Guidarini, autrice della Saga di Ancyria, che questa volta si dedica a un fantasy un po’ più particolare.
Un romanzo storico, ma non solo: a tratti paranormal e a tratti gotico, l’Autrice ricostruisce vicende antiche ma sempre attuali.
Eventi che si intrecciano con maestria, passato e presente che si combinano alla perfezione creando un grande affresco capace di incantare pagina dopo pagina anche il lettore più diffidente, due storie parallele che si somigliano fino a diventare uguali, due donne apparentemente diverse che, però, hanno bisogno l’una dell’altra.
Leggere il libro è un viaggio emozionante, coinvolgente, magnifico.
Luoghi descritti alla perfezione, che accompagnano il lettore indietro nel tempo senza perdere il contatto con il presente, personaggi capaci di incantare, lotte di classe differenti ma sempre attuali che raccontano storie nascoste tra le pieghe del tempo.
Virginia, donna fragile in una corte dove regnavano intrighi e complotti e Sara, impaurita da questa presenza che la sfiora.
Un plauso particolare all’autrice per l’impatto psicologico di Sara, il cui rapporto con Virginia muta col trascorrere del tempo.
Il lettore “vede” i luoghi, sente le parole, diventa un tutt’uno con la narrazione. Le atmosfere avvolgono e si snodano davanti agli occhi quasi si trattasse di un film.
Il ritmo della narrazione è veloce, mai noioso né pesante. Capace di strappare un sorriso o una lacrima, un fremito o un colpo di rabbia.

torna su


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:
  Ritratti


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina



I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG



www.letteratour.it