Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Una scrittura narrativa precisa, inconfondibile, complessa, insomma d'altri tempi: è Diorama di Sergio Sozi

Nella categoria: HOME | Recensioni

Pubblicare racconti nell'era del Re Romanzo non è impresa facile

Pubblicare racconti nell'era del Re Romanzo non è impresa facile: ci vuole tutto il coraggio di un piccolo, coltissimo editore come la Splen Edizioni di Catania. Che il 1 giugno 2015 ha distribuito il settimo libro dell'Autore umbro-laziale residente da anni in Slovenia - e già attivo come critico letterario da oltre vent'anni (su Letteratitudine, CriticaLetteraria.org, Inchiostro, Il Giornale dell'Umbria, L'Unità, ecc.).

Diorama è una raccolta di tredici storie casualmente venute alla luce nel XXI secolo, ma in toto appartenenti al secolo scorso, come crediamo dimostreranno i seguenti estratti - fra i quali la polemica di Sozi nei confronti del nuovo millennio è palpabile, serpeggiante, in continuo agguato:

"Molti oggi iniziano a raccontare qualcosa facendo capire prima di tutto che gliene frega poco di scrivere e sono depressi e inconsolabili - anche pure pessimisti e sfiduciati del mondo dell'Italia e della vita: quanti sforzi di petto! Credo che se tutte le energie impiegate dagli autori per farsi credere negletti operai delle parole venissero utilizzate ai fini della ricerca della fantasia, avremmo un Manzoni ad ogni angolo, tre Leopardi in ogni paese e qualche centinaio di Calvino fra mari e monti." (Da Don Chisciotte è diverso)

La raccolta, tuttavia, non è incentrata sulle opinioni dell'autore, ma narra storie vere e proprie:

"Cantava le migliori tarantelle del Salento; senza alcuna difficoltà, si favoleggia, ne ricordava testi, pause e melodie caratteristiche, pur non avendo mai abitato in quelle zone. Che avesse ereditato tal disposizione d'animo da alcuni antenati pugliesi sembra improbabile e altrettanto sbagliato sarebbe pensare a delle sue vere e proprie conoscenze musicali: Genesio stesso ben dimostrò in pubblico di non saper minimamente decifrare qualsivoglia partitura." (Da Le cose cambiano)

"Caro Gastone, saranno almeno dieci anni che non ci sentiamo, visto che stai a Berlino, e non so se faccio bene a raccontarti quanto mi è capitato oggi stesso e, in sovrapprezzo, a trascriverti anche una storia che ha del pazzesco. 'E perché non dovresti parlarmene?' mi chiederai, cugino. Ecco: perché quando una storia rimane a metà strada fra un sogno, un delirio e un racconto di fantascienza, non bisogna rischiare di farla passare per vera." (Da Suppergiú oggi)

"Ricoperta di indecifrabile nudità, ti vedo ballare sullo scoglio: duro, arso, spigoloso e protervo sasso che non sa farsi letto per la tua pelle. E l'insensibile Apollo ignora qual privilegio sia poterti sfiorare le bianche carni coi suoi dardi - un dio, si sa, dà per scontato il suo potere. Delle miti onde non ti curi, nel salso mare, ed esali quel canto che tanto rattrista persino le dee, in genere altezzose e sorde." (Da Sevdalinka)

Recensioni critiche :

Su Diorama:

"Un diorama è una rappresentazione in scala ridotta della realtà. E Sergio Sozi vede, sente, vive, e fa vedere, sentire e vivere ai suoi lettori, la realtà quotidiana in chiave ora onirica, ora brutalmente veritiera. Cammina su quel filo sottile e invisibile della nostra mente che separa l'ordinario dal peculiare, che ci fa essere presenti e al contempo assenti, perduti in un mondo lontano." (Federica Colantoni, Cultora.it)

Su Il maniaco e altri racconti (2007):

"Le Sue fantasie mi hanno lietamente accompagnato. Lei sa scrivere perché cattura l'attenzione con immediatezza." (Roberto Pazzi, lettera privata)

Sul romanzo Il menú (2009):

"Privo di nostalgie e sentimentalismi, tutto fuor che apocalittico, Il menú è un bell'esempio di critica della cultura; condotta, piacendo al cielo, con stile soave e un sorriso non cinico ben visibile a chi legge." (Giovanni Choukhadarian, Il Giornale)

L'Autore

Sergio Sozi è nato a Roma il 3 marzo del 1965 ed è vissuto poi a Spello e Perugia. Dal 2000 risiede stabilmente in Slovenia, oggi a Lubiana. Collabora come giornalista culturale e recensore con Il Giornale dell'Umbria, la rivista Inchiostro e il sito Critica Letteraria.

Opere in volume:
In Italia
- Oggetti volanti (poesie - FRA.RA., Perugia 2000. Segnalazione Premio Sandro Penna 1999)
- Il maniaco e altri racconti (Valter Casini Editore, Roma 2006. Racconto eponimo segnalato nel 2002 dal Premio Trieste Scritture di Frontiera)
- Il menú (romanzo - Alberto Castelvecchi Editore, Roma 2009)
- Ginnastica d'epoca fredda (saggio e racconto eponimo - Historica Edizioni, Cesena 2009)
- Intervista a Claudio Magris (saggio e intervista, ibid. 2009)
- Il filosofo e il giullare. Il pensiero di Umberto Galimberti. Con un'intervista inedita al filosofo (saggio e intervista, ibid. 2011)
- Italia - Slovacchia 2 a 0 (racconto - edizione in dodici esemplari numerati s.i.p., FUOCO/Fuochino, Viadana 2013)
- Diorama (raccolta di racconti - Splen Edizioni, Catania 2015)

In Slovenia
- Postfazione critica e curatela di AA. VV., Papir in meso. Antologija italijanske kratke prose (Beletrina, Ljubljana 2005)
- Postfazione critica a Diego Marani, Nova finska slovnica (Modrijan, Ljubljana 2008)
- Intervista all'Autore in appendice a Umberto Galimberti, Grozljivi gost: nihilizem in mladi (Modrijan, Ljubljana 2010)

In Croazia
- Racconto Ginnastica d'epoca fredda, nell'antologia dei premiati del concorso Lapis Histriae, in Lapis Histriae 2008 (Biblioteca Civica di Umago, Umag/Umago 2008)
- Recensione Srce i jetra (Cuore e fegato), riguardante il romanzo dell'Autore croato Miljenko Jergovic Al dì di Pentecoste (Zandonai, Rovereto 2011), tradotta da Tvrtko Klaric e pubblicata sul sito personale dello scrittore.

torna su


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina



I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG



TORNA SU
www.letteratour.it