Letteratour
www.letteratour.it
ARTICOLO

Placenta
Diciotto racconti di piccoli e Grandi

Racconti o poesie? Nell'uno o nell'altro caso, questo libro ci offre 18 occasioni per vivere una storia dove piccoli e grandi si incontrano e si confrontano, 18 metafore narrative con cui il giovane autore ci spinge nei meandri dei più terribili, profondi, meravigliosi e coinvolgenti rapporti generazionali.

Nella categoria: HOME | Recensioni

Autore: Matteo Frasca


Una leggenda narra di una mamma che non voleva partorire. Non voleva abortire. Voleva tenersi il bambino dentro, ecco tutto.
E così avvenne, il bambino non nacque.
"Se non è nato, non potrà mai morire" pensò la mamma. "In questo modo anch'io non morirò e vivremo sempre insieme".

I piccoli e i Grandi vivono in mondi completamente diversi... quasi sempre. A volte, infatti, i sogni di entrambi coincidono e allora la placenta diventa veramente un mondo a parte, il contatto reale tra due mondi altrimenti lontani e incomunicabili. I racconti di Matteo Frasca narrano, attraverso l'ironia fantastica che li connota, lo svelamento dell'innocenza dell'infanzia, il recupero della parte bambina che è presente, magari nascosta, in tutti noi. Nel mondo di Placenta l'aria è rarefatta, leggera e allo stesso tempo carica di senso critico. I piccoli, con la loro personalissima filosofia di vita, i gesti e le parole, contribuiscono a mutare radicalmente la visione utilitaristica dei grandi, impegnati nella maggior parte dei casi a valorizzare se stessi e incuranti dei bisogni o dei semplici desideri di chi, stupefatto, li osserva e non comprende il perché delle loro azioni. Leggere questa raccolta significa compiere un viaggio, partire dal profondo e al profondo arrivare. Significa che, almeno per una volta, i giochi dei piccoli e dei Grandi possono essere gli stessi.

«Mi interessa pensare alla scrittura come ad uno smascheramento delle ovvietà. Credo che nulla sia ovvio o scontato quando diventa narrabile. Quando si parla, troppo spesso non si "racconta" ma si "rendiconta" e tante sfumature si perdono, così come viene a mancare l'incanto, la lentezza, l'universo sconfinato delle parole. Scrivere mi aiuta a dare importanza a quello che sfugge ma che continuamente è sotto i nostri occhi. La parola analizza, ferma il mondo e lo re-inventa. Il mio sogno è riuscire a parlare un giorno, grazie alla scrittura, come i piccoli cantastorie, come leggeri ma epici narratori di infinite novelle svelanti noi stessi.»
Matteo Frasca

Casa editrice: Il Filo
Anno di pubblicazione: 2007
ISBN: 978-88-7842-746-4

torna su


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina


www.letteratour.it