Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Margaret Atwood, Alias Grace

Un nuovo romanzo gotico, tra post-modernismo, post-colonialismo e metanarrativa storiografica

di Cinzia Chiappini

Nella categoria: HOME | Analisi critica

 

Alias Grace è il nono dei dieci romanzi pubblicati, fino ad oggi, dalla scrittrice canadese Margaret Atwood (1939 - ...): è un'opera che, per motivi cronologici e non solo, si colloca nella fase matura della produzione della scrittrice e che, ciononostante, rappresenta per molti aspetti una novità, un punto di svolta rispetto ai romanzi precedenti. In queste poche righe, si tenterà di "accennare" un'analisi di Alias Grace, analisi che, per quanto breve, spera di essere un'introduzione esauriente ad un'opera complessa e riccca di spunti.

Attraverso lo studio del profilo della scrittrice è possible evidenziare i leitmotiv tematici e formali che caratterizzano la vastissima produzione atwoodiana: l'analisi delle poesie, dei romanzi, dei racconti brevi e, non meno importante, quello delle opere di critica letteraria, evidenzia il contributo di Margaret Atwood al dibattito letterario contemporaneo e il suo essere al tempo stesso scrittrice Postmoderna e Postcoloniale.
Alias Grace recupera in un modo nuovo i leitmotiv "atwoodiani" e costituisce, al tempo stesso, un punto di svolta: non solo perché, nella produzione della scrittrice è il primo, e per ora unico, romanzo basato su una vicenda realmente accaduta; ma anche perché quella vicenda appartiene e fa riferimento al passato storico del Canada, ad una realtà sociale e culturale ben definita.
Il romanzo trae spunto, infatti, dalla storia del delitto Kinnear avvenuto nel Luglio del 1843 a Richmond Hill: la cronaca di quegli eventi suscitò grande scalpore nella società canadese dell'epoca, perché ad essere accusata del duplice omicidio fu Grace Marks, la domestica di casa Kinnear appena sedicenne.
Alias Grace si basa quindi su una vicenda che appartiene alla memoria "popolare" del paese ed è fortemente contestualizzata nella realtà locale; quasi a voler ulteriormente ribadire la "canadesità" della sua opera, la Atwood sceglie come elemento simbolico centrale del romanzo la trapunta, un tipo di coperta prettamente legato alla cultura indigena.
La trapunta connota l'opera d'arte autobiografica che permette alla protagonista di rappresentare in modo diverso la storia della sua vita; essa illustra il ricongiungimento tra Grace e l'altra Grace, in un incontro che celebra da un lato la necessità di conciliare Conscio e Inconscio, e dall'altro la possibilità di convivenza sul suolo canadese di diverse culture. Ad essere escluso da questo "spazio" è il Dottor Jordan, il nuovo pioniere americano che tenta di fare una mappa e di tracciare i confini della mente di Grace: il suo fallimento è il fallimento del mondo da cui proviene ed è causato dall'incapacità di accettare l'altro e il diverso.

torna su

La valorizzazione dell'alterità, della cultura del margine e del diverso, il rifiuto di una "nuova" colonizzazione, sono temi che percorrono Alias Grace, ma anche leitmotiv nella poetica della Atwood e punti cardine della letteratura Postcoloniale.
Volendo "ri-raccontare" una vicenda storicamente attestata come quella del caso Marks, Margaret Atwood ha dovuto gestire le numerose e spesso contraddittorie versioni attestate nelle fonti: la discussione sulla dialettica Story/History è assolutamente centrale in Alias Grace, perché permette alla scrittrice di indagare le possibilità della ricostruzione storiografica e di dimostrarne, in linea con la critica Poststrutturalista, l'intrinseca arbitrarietà.
Tale consapevolezza è tematizzata nel romanzo non solo attraverso il riferimento esplicito alle fonti, ma anche tramite il confronto con le diverse ricostruzioni della vicenda e, in particolare, grazie alla ri-lettura in chiave parodica di Life in The Clearings versus the Bush, il romanzo realistico di Susanna Moodie.