Letteratour
www.letteratour.it
ARTICOLO

Passeggiando per Napoli

di Reno Bromuro

Nella categoria: HOME | TOURismi letterari

9. DA P.ZZA DEL PLEBISCITO A FUORIGROTTA

- Ehi?! Che te succede? Pe' ccaso soffri d'epilessia? Sei rimasta 'ntrunata comm''a 'na paralizzata 'e paura! Ooooh! Scetate! Guarda che se sei epilettica cu tte a Napule nun ce vengo cchiù; avisse j a sbattere cu 'a machina! Oooooh, scetate! J' a Napule 'nce voglio arrivà vivo…
- Che vai pensando? Come ti è venuta in mente l'epilessia?
- … E tu staje llà, comm''a 'na mummia 'mbalsamata!
- Perché sono incantata!
- 'Ncantata?! Sono tanto affascinoso?
- Presuntuoso! Incantata dalle cose belle che sono riuscita a vedere con i tuoi occhi.
- Veramente? Allora vieni qua. Dammi la mano, mettiamoci tra queste due colonne centrali. Alle spalle abbiamo il grandioso portale della Basilica di San Francesco di Paola, di fronte la bellissima facciata del Palazzo Reale, eretto da Domenico Fontana nel 1600 o il 1602, per conto del viceré Ferrante di Castro. Le vedi quelle otto nicchie, quattro a destra e quattro a sinistra del portone centrale? Ah! Tutta la facciata è lunga centosessantanove metri. E nelle nicchie, nel 1889 vi furono collocate le statue di Ruggero il Normanno, Federico di Svevia, Carlo D'Angiò, Alfonso D'Aragona, Carlo Quinto, Carlo Ottavo di Borbone, Gioacchino Murat e Vittorio Emanuele Secondo, fondatori delle varie dinastie che hanno regnato a Napoli. Per i bambini che passano di qua per andare a Santa Lucia è un divertimento perché vogliono sentire dal padre o da chi li accompagna per l'ennesima volta la barzelletta ultra centenaria sulle statue nelle nicchie. Guarda… a partire da sinistra, sotto la nicchia c' è sempre una piccola pozzanghera d'acqua, Carlo Quinto ha la mano destra con l'indice puntato verso la pozzanghera e domanda agli altri: "Chi ha pisciato ccà 'nterra?", Corradino di Svevia sta con le braccia aperte e sembra dire: "Nun sacce niente!"; Gioacchino Murat è rappresentato impettito con la mano destra sul petto e il volto truce, risponde: "So' stat'jo!" e Vittorio Emanuele Secondo, rappresentato con la spada sguainata pronto a colpire, dice perentorio: "…E j' te taglio 'o pesce!"
- Io sono epilettica e tu un poco fatto a vino cominci a dire baggianate?
- No. Nun è 'na baggianata, è 'na barzelletta! Che vaie penzanne? E parle pure pulita: baggianate! E che so' cose che se magnene?
- Dai, non fare lo stupido!
- Chiudi gli occhi e immagina di entrare da quel portone e salire il super scalone, del Palazzo che abbiamo di fronte, costruito da Antonio Picchiatti nel 1651 e rimaneggiato e ridecorato da Gaetano Genovese dal 1838 al 1842; sul lato sinistro, quasi a seguire il San Carlo, c'è la Biblioteca Nazionale, ricchissima di libri… In cima alla scalinata c'è il Salone d'Ingresso all'appartamento di rappresentanza, alza gli occhi e guarda sotto il soffitto, è un'allegoria delle virtù di Carlo Borbone e Maria Antonietta, dipinta da Francesco De Mura, tra finte prospettive di Vincenzo Re. Quel bellissimo arazzo, che prende quasi mezza parete è stato fabbricato a Napoli su disegno di Girolamo Storace Franchis ed eseguito da maestri diretti da Pietro Duranti.
La ragazza emette un profondo sospiro, poi si mesce del vino, lo beve a piccoli sorsi… mentre Giovanni, iniziò a declamare "A Silvia" di Giacomo Leopardi
- Nostalgia di Silvia, o di Leopardi?
- Nustalgia 'e Napule! - Chiude gli occhi, si sdraia alla meno peggio sulla sedia, in una posizione scomodissima e…

Nun t'addurmì! Statte cull'uocchie
'nchiuse, accussì, comme stongh'j!
Dint'all'oscurità vide 'e passà
'e 'cose 'cchiù belle d''a vita.
Nun t'addurmì! Statte
cull'uocchie 'nchiuse, accussì!

Dimme! E vvide 'e passà
'e guagliuncielli cu' 'o sinalillo niro?

Dimme! T'allicuorde
quanno pure nuie
mano dint''a mano
jevemo a scola?
'A signora Mafalda ca cu' chill'uocchie
doce ce sapeva fà felici comme si fosse
stata 'a mamma nosta?

Dimme, te ricuorde?

E te ricuorde 'e quanno
purtannete p''a mano
cu' 'a voce tremante te dicette:
"Quanno facimme gruosse 'nce spusamme!"

Me guarde? Chist'uocchie nire
dint'all'oscurità parene ddoje stelle
ca luceno dint''o cielo niro
'e chesta vita mia senza sole.

M'accarizze e me rispunne:
"Nun m'arricordo,
nun voglio arricurdà!"

E chiagne? Pecchè? Dimmello!
Cunfidate cu' mme, comm'a 'na vota
songo 'o cumpagno 'e scola
e te so' frate primma che 'nnammurate.
Chiagne? Pecchè? T'adduorme?...
'Stu chianto s'alluntana chiano chiano.

Arape ll'uocchie, te cerco, nun ce staie.
E' stato 'nu suonno
'nu suonno che 'a tant'anne stò sunnanno.

- Dio! Mi hai fatto venire un groppo alla gola.- Dice la ragazza con un lunghissimo sospiro. - Di chi è?
- Peccati della fanciullezza!
Ed eccoci alle tombe di Virgilio e di Leopardi.
- Allora siamo a Fuorigrotta?
- Già!
In quel momento entra una donna bassa e pienotta, somiglia ad una botte, con un cestino infilato al braccio, dentro il quale quattro cuccioli li guardano spiritati.
- Volete un cucciolo di cane? - Domanda la donna.
- Ci piacerebbe, ma non sapremmo dove metterlo. - Si scusa Anna.
Giovanni si alza e va alla grande vetrata che lascia vedere l'intero piazzale:
- C'è una luna stupenda 'stanotte! Mi trovo al Capo di Posillipo ed ammiro la pendice del monte, dove si apre la grande galleria romana, il colombario antico e sacro al ricordo di Virgilio; più in basso la tomba di Giacomo Leopardi, la chiesa di Santa Maria del Parto. In quella chiesa riposa Jacopo Sannazzaro. Vuoi vederla?
- Visto che ci siamo, entriamo pure. Vedi? Il busto del poeta domina la figurazione allegorica di Apollo e Minerva, allusiva all'Arcadia… - Giovanni ritorna al tavolo e solo allora, alla luce fioca, in quell'angolo della stanza, vede le lagrime che rigano il bel viso di Anna.
- Ricorda che la tomba di Leopardi è stata eretta nel 1939, dopo aver traslato la salma dalla chiesa di San Vitale, dove l'aveva fatta seppellire Antonio Ranieri. Dopo la morte di Ranieri fu trascurata e solo da poco è ritornata alla venerazione nazionale.
Guarda la ragazza con altri occhi. Legge, attraverso lo sguardo triste, il forte turbamento dell'anima:
- Pensi più a Giacomo o a Virgilio?
- A entrambi; però non nascondo che sono commossa e arrabbiata nello stesso tempo per come Giacomo, anche dopo la morte non riusciva a trovare pace.
- Io parlo, parlo per non pensare che tengo 'na fame, che mangerei un coniglio intero; ma qui non si vede arrivare nemmeno il primo…
- Se abbiamo mangiato due o tre antipasti; hai bevuto oltre un litro di vino e…
- … e tu ti sei scolata mezza bottiglia di Cognac, possiamo viaggiare sicuri? E se ci fermano e ti fanno soffiare dentro il palloncino, a Napoli comme 'ciarrivo?
- Stiamo sopra il Capo di Posillipo addoruso… o sbaglio?
- Povera lingua napoletana! La sento strillare vendetta contro di te. Se non sai parlare napoletano lascia perdere, parla il romanesco o l'italiano, ti capisco lo stesso, basta che nun struppie 'a lengua cchiù bella d''o munno! Guarda là abbascio! Vide che distesa d'acqua e che colore, cambia in continuazione sotto la luna, a seconda che la luna è velata dalle nuovole o no.
Adesso percorreremo via Orazio, poi giriamo per Viale Manzoni e prima che il pensier s'accende saremo al Vomero… Quante cose ci sono da vedere al Vomero! La Villa Floridiana, - la voce gli s'incrina diviene un poco roca - Lì vicino c'è il balcone dove si affacciava il mio primo amore, piazza Vanvitelli, Sant'Elmo, il Museo di San Martino
- Ehi, calma! - L'interruppe Anna, con uno smagliante sorriso. - Sai che sono quasi le tre? - Giovanni si sente investito da una cascata d'acqua gelata.
- Che cosa ti accade, adesso? - Anna ha visto quel velo negli occhi e il tremito del corpo. - Non vuoi più ritornare a Napoli? - Lui china la testa e non risponde: sembra diventato afasico d'un colpo. - Ah, ho capito! Non te la prendere, l'ho detto prima che sei mio ospite.
- Sì, però!…
- Non esistono né però, né ma. Non rovinare tutto, adesso.

torna su


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:
  IDENTITA'


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina


www.letteratour.it