Il Calamaio

Fra le righe del Salento e dei Balcani

Poesie scelte. Poezi të zgjedhura (1990-2020) Edizione bilingue di Gëzim Hajdari, Besa Muci 2021

Jan 272021

Nessuno sa se ancora resisto/in quest'angolo di terra arsa/e scrivo a notte fonda ubriaco/versi gioiosi e tristi/

Sogno la morte ogni volta che torna la primavera/ I gemiti si perdono piano piano piano nella nudità della pioggia/

Come brucia in fretta la mia giovinezza senza richiami!/ Ovunque dintorno mi sorridono rose e coltelli/

Di fumo e alcol odora così presto il mio corpo/ Chissà quale strana sorte un giorno stroncherà la mia voce/

undefined

É una poesia universale quella di Gezim Hajdari. Gezim non è un poeta qualsiasi, non è un poeta improvvisato e soprattutto non è un poeta che vive di melodrammi attaccato mentalmente e spiritualmente alla propria terra. Scrive in italiano Hajdari, ed è un intellettuale a tutti gli effetti, che narra di una poesia che può appartenere a qualsiasi paese, a qualsiasi parte del mondo, a qualsiasi universo. Un poeta che non scrive legandosi alle proprie fondamenta, ma che racconta facendo riferimento alle sorgenti. La condizione dell'essere migrante, non sente l'urgenza di attaccarsi alle radici, ma sente la necessità di interazione, piuttosto che di integrazione. La propria cultura non deve essere messa da parte per interagire con l'altro, non deve essere negata o rinnegata, ma deve essere rispettata. Non sente il poeta, la necessità di di definire integrazione, quello che, invece, deve essere indicato come interazione. Senza quest'ultima, andrebbe cancellata ogni cultura minoritaria. Ed è per questo che le poesie di  Gezim sono pregne del suo essere esule e migrante, colme di un certo nostalgico rammarico nei confronti del suo paese, dal quale non si è sentito accolto e riconosciuto, pur dando all'Albania una grande ricchezza culturale e umana, rivolta in diverse direzioni. 

                                                                                                                                     U calamaru 

 

Atom

Powered by Nibbleblog per Letteratour.it