Il Blog di Anna Lattanzi

Il calamaio rosa: il ruolo della donna nella letteratura

Gioconda Belli, Nel paese delle donne

Mar 252019

Gioconda Belli, è una giornalista, scrittrice, poetessa di origini nicaraguesi, artista coraggiosa, dalle scelte audaci. Nel paese delle donne, pubblicato nel 2011, è un romanzo a tratti utopico, che mai sfiora la banalità e dove ancora una volta emergono la convinzione e i principi che hanno portato l'autrice a lottare febbrilmente per i diritti delle donne.undefined

La Belli ha vestito i panni della guerrigliera e dell'attivista nella lotta del Fronte Sandinista, contro la dittatura che flagellava il Nicaragua, ma è più conosciuta come militante nelle lotte femministe: in una società prettamente maschilista, Gioconda Belli fonda con altre donne il P.I.E, il partito della Izquierda Erotica, il cui impegno è quello di ricercare e mettere in atto nuove strategie per promuovere i diritti delle donne. Nel paese delle donne è ispirato proprio ai ricordi di questa esperienza, che ha profondamente segnato la vita personale e professionale della giornalista. La chiave di lettura utile per quest'opera è l'ironia, vista la gradevole provocazione con cui gli argomenti sono trattati. Risulta particolarmente piacevole la descrizione di un universo tutto al femminile, per la cui comprensione è necessario ricorrere a una buona dose di immaginazione, valore aggiunto che stuzzica simpaticamente la lettura.

Il romanzo è ambientato a Faguas un paese fittizio del centro America: Faguas può essere nell'immaginario il Nicaragua, o qualsiasi altra parte del globo terrestre, dove i diritti delle donne sono diversi da quelli degli uomini. Faguas è un paese in cui la corruzione la fa da padrona, un posto dove si tollera qualsiasi infamia. A Faguas la civiltà è mummificata, i valori umani inesistenti e l'antico e il nuovo convivono in una sorta di rocambolesco equilibrio. Ed è in questo sperduto paese, che la giornalista televisiva Viviana Sanson con le amiche Martina, Eva, Rebecca e Ifigenia fondano il P.I.E., vincendo le elezioni e ribaltando, così, la vita politica e socio-economica. Cinque donne che utilizzano l’arte della seduzione per la scalata al potere, con lo scopo di migliorare la qualità di vita femminile e non solo. Le donne si servono dell'erotismo e non della pornografia: la Belli lo precisa così:

    "Eros significa vita, che è il bene più prezioso"

Gioconda Belli immagina di essere supportata nel progetto dalla natura stessa: in questi profondi cambiamenti, il vulcano Mitre, “pallido e azzurro” che da secoli guarda silenziosamente la città, erutta per tre giorni e tre notti di seguito, seppellendo il paese sotto una malata coltre fuliginosa, le cui esalazioni hanno come effetto la riduzione del testosterone, ormone che regola la virilità degli uomini. Grazie al vulcano e agli uomini diventati “flaccidi e panzoni… mansueti come mai prima" il governo può varare un nuovo sistema di gestione sociale. Gli uomini restano a casa per sei mesi con salario anticipato e le donne vanno al lavoro.

Il disegno di Viviana è il progetto della Felicità, che parte dalla propria casa. Tutti devono godere della meritata serenità e tutti devono potere vivere dignitosamente, con una illimitata libertà che conferisce la capacità di sviluppare la creatività e il potenziale umano. La felicità pro-capite come indice di sviluppo, al posto del prodotto interno lordo. Del resto anche Amartya Sen non propone all’Onu di impegnarsi per sviluppare l’indice della qualità della vita?

 “Bisogna pensare ciò che pone fine allo spreco di talento legato alla casualità di nascere donna”

 Grazie alla pace raggiunta dagli uomini e agli errori commessi dal governo in carica, il P.I.E. riceve una serie di voti e consensi, vincendo così le elezioni.

   "PIE è anche il piede, metafora del posare un piede davanti all’altro"

 Punti cardine della narrazione sono l'uguaglianza e la partecipazione. Tutto si evolve nelle mani delle donne: torna prepotentemente alla ribalta il potere del femminino, attraverso cui tutto si trasforma e nasce, proprio come accade nel ventre della donna. Finalmente il mondo gira non solo grazie al raziocinio, ma anche ai sentimenti dell'anima e alla forza dettata dal cuore. undefined

Uno degli aspetti più interessanti del romanzo è l'esaltazione della sensibilità e dell'emotività femminile, bandite dagli uomini come debolezze e celate dalle donne in carriera: questi aspetti in realtà rafforzano la capacità di gestire benignamente l'universo che ci circonda.

Simpatica e notevole l'iniziativa della Belli, di adottare un linguaggio che si allontana decisamente da quello politico, per descrivere un partito: l'autrice preferisce utilizzare un lessico molto più vicino alla lingua casereccia e popolare, per eliminare ogni altisonanza e rindondanza. Parole semplici per descrivere un partito capace di ripulire un Paese sporcato dalla noncuranza e dalla lussuria: un'organizzazione politica, che si prende cura del proprio ambiente come una madre si prenderebbe cura di suo figlio. Ognuno può finalmente tornare ad occuparsi della sua vita, della sua casa, delle sue emozioni, rispettando questo pianeta che l'uomo stesso sta distruggendo. 

"Questa patria abbandonata, disonorata, venduta, impegnata, spartita ci impegniamo a lavarla, spazzarla, spazzolarla, sbatterla, ripulirla da tutto il fango, affinché torni a brillare in tutto il suo splendore. Un partito che dia al paese ciò che una madre dà ad un figlio, che si prenda cura come una donna si prende cura della sua casa. Ognuno di noi dovrebbe occuparsi della sua vita, della sua casa, delle sue emozioni, di questo pianeta che stiamo distruggendo… occuparsi dunque dei figli, della famiglia senza che questa costituisca una serie di svantaggi”

Gioconda Belli affronta nel suo romanzo svariati temi, drammaticamente attuali, come la violenza e sfruttamento sessuale sulle donne.

A Fragua, la pena di morte è stata abolita, gli stupratori ogni giovedì sono esposti nella pubblica piazza, con tanto di cartello che riporta il loro nome e cognome, età della vittima e tipo di rapporto con la vittima. Durante il resto della settimana, vengono portati fuori dalla prigione per scavare fosse nei cimiteri.

Altra tematica importante affrontata è la necessità di una diffusa alfabetizzazione, con la costituzione di una scuola di quartiere fino a 12 anni per imparare a leggere, scrivere e per dedicarsi alle materie preferite, mentre dai 12 ai 18 anni si frequentano obbligatoriamente scuole vere e proprie. Sia i maschi che le femmine, seguono lezioni di cure materne e di pedagogia, dove imparano le norme basilari per allevare i bambini.

Grande importanza viene attribuita alla pulizia di strade e quartieri: le strade sporche insudiciano l'animo umano, facendo perdere la bontà e l'equilibrio interiore, portando così alla mancanza di rispetto per il prossimo.

Si rende necessario, inoltre, promuovere una nuova etica femminile fondata su attenzione e solidarietà. Questo è il motivo per cui tutti i ministeri sono stati riformati e sono tutti gestiti da donne: non esiste più la figura della donna sottomessa e subordinata, relegata in un cartellone pubblicitario. Esiste la donna forte, che emerge in tutta la sua complessità. 

Una società idilliaca quindi, basata su principi bonari, dove insubordinazione è relegata ai margini, se non totalmente schiacciata. Rimane poi così utopico un simile progetto? Al di là del femminino, rispetto, uguaglianza e benevolenza non dovrebbero essere alla base di qualsiasi collettività civile che si rispetti?

Ancora una volta, in questo simpatico e strambo scritto, emerge una Gioconda Belli fiera di essere donna, colma di un orgoglio trasmesso nella sua interezza da sua madre, che l'autrice ringrazia così:

"Per merito suo non ho mai percepito il mio sesso come uno svantaggio e per merito suo l’ho benedetta sin da quando ho avuto coscienza di essere quel che sono."

Gloria Steinem, la scrittrice femminista dell' "Autostima"

Mar 232019

Autostima e cultura sono collegati tra loro? Il contesto sociale in cui viviamo, potrebbe avere una certa influenza-rilevanza sulla stima che abbiamo di noi stessi? Secondo Gloria Steinem sì. La giornalista e attivista americana, nel suo libro Autostima. Un viaggio alla riscoperta della nostra forza interiore, insegna in maniera decisamente illuminante, quanto possa essere imputabile l'ambiente che ci circonda, in merito ad una eventuale scarsa stima di noi stessi.undefined

Gloria Steinem da sempre si batte per i diritti delle donne: la parità dei sessi è per lei un obiettivo da raggiungere, combattendo in prima linea, senza mai mollare. Ha fondato la rivista femminista Ms. Magazine ed è riconosciuta come una delle rappresentanti più famose del femminismo degli anni Sessanta e Settanta. Molti gli argomenti trattati nel suo settimanale, tutti rilevanti e di spessore: la giornalista affronta lo scottante tema dell'aborto, dell'infibulazione, una tematica drammaticamente attuale e quello dello sfruttamento del corpo femminile. Questi e molti altri sono stati i soggetti al centro degli articoli pubblicati a partire dal 1972 su Ms. Magazine. L'impegno della Steinem non si limita a questo: si estende, infatti, anche a favore delle comunità afro-americane e delle associazioni pacifiste contro le guerre, a testimonianza del fatto che il movimento femminista è sempre andato a sostegno delle cause dei più deboli, contro ogni ingiustizia.

In Autostima, le ricerche e gli studi della Steinem, vanno ancora oltre: l'attivista, infatti, decide di scavare in profondità, sia nella psiche, che nell'animo umano, ma non solo. La scrittrice indaga sul sistema sociale in cui l'essere umano è collocato, causa principale della distruzione della stima di se stesso.

Autostima non è un libro solo per le donne: è uno scritto per tutti, tanto da costare alla Steinem l'accusa di aver abbandonato le sue battaglie. Analizzando oggettivamente e senza pregiudizi il testo, ci si rende conto che le accuse mosse all'autrice sono infondate e che i suoi principi sono ancora ben saldi. Nell'opera, la scrittrice, ripercorre le varie fasi della vita dell'essere umano, analizzando tutti i rapporti che nel frattempo instaura ed esaminando il contesto socio-ambientale in cui si colloca. Tutto quello che compone la persona sia a livello oggettivo, che astratto (sentimenti ed emozioni), viene puntigliosamente scomposto, anatomizzato e studiato. Nel contesto creato dalla ricerca e dallo studio, nascono le famose "parabole moderne": storie di vita reale e vissuta, racconti di amici e conoscenti, in cui il fulcro è sempre e solo l'autostima. Le narrazioni danno la possibilità al lettore di entrare in empatia e immedesimarsi con chi narra la propria esperienza, dando vita a diversi spunti di riflessione.

Naturalmente Gloria Steinem non si limita a criticare la collettività e quella che è la sua influenza negativa, ma cerca di proporre valide soluzioni. Una su tutte è la consapevolezza di chi siamo, quindi la presa di coscienza del sé.

"Autostima ha due difetti, entrambi fatali per la riuscita del libro. In primo luogo, dipinge l’individuo come un essere perennemente suscettibile di miglioramento, grazie a una concezione romantica che è stata puntualmente contraddetta dalla storia. In secondo luogo tratta l’autostima come un diritto naturale, che può essere garantito solo a patto di trasformare il modo di allevare e di educare i bambini, superando allo stesso tempo il patriarcato, il sistema castale delle razze, il monoteismo e la gerarchia in quanto principali forme di organizzazione della società umana; in altri termini, trasformando radicalmente tutta la civiltà occidentale".

undefined

Decisamente audace la proposta della Steinem: rivoluzionare uno schema predefinito di pensiero. Tale rivoluzione richiede l'abbandono delle vecchie abitudini e soprattutto l'accettazione del nuovo, bandendo ogni tipo di diffidenza. Ogni individuo deve poter fare affidamento su una buona dose di coraggio, che gli permetta di avvicinarsi ad una nuova modalità di vita e di realtà. Un coraggio necessario, che gli consenta di avere rispetto per ogni essere vivente e per l’ambiente che lo ospita. In questa fase del percorso è importante che la persona impari a fidarsi e ad affidarsi all'altro, vedendolo sempre come compagno di condivisione e mai come nemico. É inevitabile richiedere un cambiamento della visione generale maschile: la donna deve essere vista come completamento dell'uomo e viceversa e non come sostegno del genere maschile. Ogni forma di subordinazione femminile deve essere bandita. Qui tornano prepotentemente tutti i principi in cui la Steinem crede e per cui ha sempre lottato. Una grande volontà è necessaria per ribaltare un sistema sbagliato, basato sulla competitività che schiaccia la forza caratteriale, facendo emergere ogni debolezza. Alla fine di questo lungo tunnel da percorrere con tutte le forze, c'è la libertà: un obiettivo per cui vale la pena combattere con ogni mezzo. 

Afrodite di Saffo. Un omaggio alla poetessa di Lesbo, nella giornata mondiale della poesia

Mar 212019

undefined

21 Marzo, giornata mondiale della poesia. Vi siete mai chiesti cosa sia davvero la poesia? La poesia è parola. La poesia è la trasposizione dei sentimenti e delle emozioni attraverso il verbo. La poesia ha un cuore, capace di trasmettere le più vive sensazioni per mezzo di uno scritto. Lo sapevate che la poesia ha più vite? Vive di vita nuova quando nasce dalla penna dell'autore abbracciando tutti i suoi pensieri. Vive di vita rinnovata quando il lettore la fa sua e la plasma ritrovando spaccati della propria vita e della propria anima.

Saffo, chi più di lei ha trasmesso percezioni attraverso la poesia? La poetessa scandalosa, che decanta l'amore e la passione per tutte le cose e per tutti i generi, quella poetessa, accusata e amata, negata nella sua natura più profonda, che ha composto liriche cariche di significato per la sua epoca e per i posteri.

Afrodite

Afrodite, trono adorno, immortale,

figlia di Zeus, che le reti intessi, ti prego:

l'animo non piegarmi, o signora,

con tormenti e affanni.

Vieni qui: come altre volte,

udendo la mia voce di lontano,

mi esaudisti; e lasciata la casa d'oro

del padre venisti,

aggiogato il carro.

Belli e veloci

passeri ti conducevano, intorno alla terra nera,

con battito fitto di ali, dal cielo

attraverso l'aere.

E presto giunsero. Tu, beata,

sorridevi nel tuo volto immortale

e mi chiedevi del mio nuovo soffrire: perché

di nuovo ti invocavo:

cosa mai desideravo che avvenisse

al mio animo folle. "Chi di nuovo devo persuadere

a rispondere al tuo amore? Chi è ingiusto

verso te, Saffo?

Se ora fugge, presto ti inseguirà:

se non accetta doni, te ne offrirà:

se non ti ama, subito ti amerà

pur se non vuole."

Vieni da me anche ora: liberami dagli affanni

angosciosi: colma tutti i desideri

dell'animo mio; e proprio tu

sii la mia alleata.

Ricordo del padre di Sibilla Aleramo

Mar 192019

Una breve lirica che Sibilla Aleramo dedica al ricordo di suo padre. Nonostante il rapporto conflittuale con la figura paterna, in queste rimembranze, Sibilla disegna il papà in maniera dolce e delicata.undefined

Sempre che un giardino m’accolga

io ti riveggo, Padre, fra aiuole,

lievi le mani su corolle e foglie,

vivo riveggo carezzare tralci,

allevi rose e labili campanule,

silenzioso ti smemorano i giacinti,

stai fra colori e caldi aromi, Padre,

solitario trovando, ivi soltanto,

pago e perfetto senso all’esser tuo.

Intervista a Elena Molini, la fondatrice della "Piccola Farmacia Letteraria" di Firenze

Mar 192019

Da sempre le donne contribuiscono in maniera massiccia alla divulgazione della cultura letteraria, sia attraverso magnifiche opere nate dalla loro penna, che per mezzo di libri le cui protagoniste sono spesso signore che hanno lasciato il segno nella storia della letteratura. Ci sono donne, invece, impegnate in maniera differente e singolare nella diffusione della produzione letteraria mondiale. A Firenze, nel quartiere di Gavinana, in via Ripoli 7/R, c'è un posto incantato, dove i castelli, i maghi e gli stregoni sono racchiusi in alcuni dei libri che il piccolo locale contiene e dove la magia sembra comunque aleggiare. La "Piccola Farmacia Letteraria", il luogo in cui poter curare i mali dell'anima con i libri, nasce dall'idea di Elena Molini, una giovane donna, al timone di questa singolare "chicca".undefinedDefinirla libreria sembra quasi riduttivo: proprio come in una vera farmacia, i testi hanno un foglietto illustrativo con indicazioni, posologia ed eventuali effetti collaterali. Le categorie in cui sono suddivisi i libri sono tante e a ognuna di esse è assegnato un colore. La vita spesso ci mette a dura prova e il nostro animo risente di tali sofferenze: niente paura, Elena saprà consigliare il libro giusto, quello capace di curare e dare leggerezza al cuore e perché no, anche al fisico.

"Soluzioni letterarie per problemi reali"undefined

La "Piccola Farmacia Letteraria" non è solo una speciale libreria, ma anche luogo di incontro dove poter assistere a eventi letterari. I progetti da realizzare sono ancora tanti, come per esempio un sito che permetta di poter acquistare direttamente i libri on line e non solo.

Elena Molini ci ha gentilmente concesso un'intervista, in ci parla dettagliatamente del suo progetto, che sta riscuotendo un più che meritato successo.

INTERVISTA A ELENA MOLINI

Elena Molini, prima di parlare della Piccola Farmacia Letteraria, ti va di dirmi in breve chi sei? 

Certo! Sono una non più giovane ragazza di quasi 36 anni che dalla provincia di La Spezia si è trasferita a Firenze per studiare all’Università e poi ho messo radici in questa meravigliosa città.

La magnifica idea della Piccola nasce dopo la tua esperienza come impiegata in libreria di catena. Come funziona la tua libreria Elena? 

Ho voluto creare uno spazio dove le persone potessero sentirsi comprese, dove le emozioni fossero messe in primo piano e dove i libri tornassero nella loro dimensione di opera d’arte troppo spesso dimenticata.

In che modo scegli e cataloghi i libri? Mi spiego meglio: di libri sul mercato ce ne sono tantissimi. Come fai a fare un’accurata cernita e a catalogarli per la scelta dei clienti? 

Mi baso sulla mia esperienza da libraia e da lettrice. Parlo tantissimo con le persone che mi consigliano testi sempre diversi, io li leggo e poi decido se inserirli nel mio catalogo oppure no. È un flusso continuo di informazioni e di contaminazioni.

Elena quali sono le richieste più frequenti? 

Mi chiedono molto spesso consigli sul mal d’amore e sulla bassa autostima. Direi che sono queste le categorie più indagate nella mia farmacia letteraria.

Se dovessi suddividere la tua clientela per età, quale sarebbe la fascia che più acquista nella tua libreria?

Da me vengono soprattutto ragazze giovani dai 20 ai 40 anni. Sono loro le più affezionate frequentatrici.

I tuoi consigli possono definirsi prescrizioni letterarie? 

Sì, i miei consigli vengono dati non in base alla trama ma in base alle emozioni che sono contenute in un testo quindi sono molto mirati in base alla persona che ho davanti.undefined

Quale bugiardino sceglieresti per te oggi? 

Oggi per me sceglierei “Gocce di dinamismo contro pigrizia cronica” non ho voglia di fare assolutamente nulla delle 3 milioni di cose che dovrei fare.

Cosa ti piace della Piccola Farmacia Letteraria e cosa cambieresti o miglioreresti?

Della Farmacia Letteraria la cosa che preferisco sono i lettori che la frequentano perché è veramente bello confrontarsi con loro parlare di libri e di autori. Ci sono tantissime cose da migliorare e da aggiungere. La mia è una realtà talmente recente che ci sono tantissime cose
sulle quali possiamo fare meglio.
 
Quali bugiardini aggiungeresti?

Tantissimi libri che ho letto e che mi sono piaciuti tantissimo per questioni di tempo sono ancora orfani di bugiardino ma rimedierò prestissimo! Il prossimo che scriverò sarà “Una vita come tante” di Hanya Yanagihara uno dei miei libri preferiti.

Il tuo genere letterario preferito? 

La narrativa contemporanea nordamericana

Il libro che ami di più in assoluto? 

“Trilogia della città di K” di Agota Kristoff bellissimo e terrificante allo stesso tempo

Il libro che proprio non consiglieresti?
Non c’è un libro che non consiglierei, ognuno ha i suoi gusti e ogni genere letterario ha una sua dignità. L’importante è leggere leggere leggere!

La "Piccola Farmacia Letteraria" è una creatura delicata e importante, che impreziosisce la lettura di una marcia in più: quella curativa.

Inno alla Donna di Alda Merini

Mar 182019

undefined

Inno alla Donna è una delle liriche più profonde che la poetessa milanese abbia dedicato alle donne. Le parole di Alda Merini:

"La società è fatta per gli uomini. Non si concepisce la donna che vive sola, che vive di se stessa, che guadagna quello che può. Dà fastidio la donna che pensa, la donna intellettuale. Il nostro mondo non è fatto di uomini, è fatto di cretini..."

"Stupenda immacolata fortuna

per te tutte le culture del regno

si sono aperte

e tu sei diventata la regina

delle nostre ombre

per te gli uomini hanno preso

innumerevoli voli

creato l’alveare del pensiero

per te donna è sorto

il mormorio dell’acqua

unica grazia

e tremi per i tuoi incantesimi

che sono nelle tue mani

e tu hai un sogno

per ogni estate

un figlio per ogni pianto

un sospetto d’amore

per ogni capello

ora sei donna tutto un perdono

e così come ti abita

il pensiero divino

fiorirà in segreto attorniato

dalla tua grazia"

 

Atom

Powered by Nibbleblog per Letteratour.it