Letteratour
www.letteratour.it
STRUMENTI

Paure da esorcizzare... scrivendo

Nella categoria: HOME | Letteratura in classe

Tutti abbiamo delle paure da combattere, e ognuno di noi trova soluzioni diverse per superarle. Ma oltre a queste soluzioni che ognuno elabora secondo la propria natura e le proprie esperienze, è utile anche parlare con gli altri delle angoscie che proviamo, esteriorizzandole.
Il dialogo (o la scrittura) diventa così uno strumento di comunicazione che, attraverso gli altri, giunge soprattutto a noi stessi.

La morte

"La mia paura è quella di perdere la vita. Perché così se perdo la vita non posso vedere più i miei genitori. Forse non posso neanche vederli in cielo. Io vorrei che tutta la mia famiglia fosse come Babbo Natale, così potremmo vivere quanto ci pare" (Andrea De V.)

"Io ho paura che la mia casa si allaghi. Ma se si allaga posso nuotare. E ho ancora paura di perdere la vita. Ma se si muore non posso essere più al mondo. Ho paura di perdere i miei gentitori. Altrimenti non posso vivere senza soldi" (Matteo Di P.)

^ torna su ^

I film

"Io ho avuto paura quando Ulisse ha combattuto con un signore basso e Ulisse gli ha dato un cazzotto alla gola e a questo signore gli uscì il sangue dalla bocca. Io mi sono appoggiato vicino a mamma" (Costantino)

Questo disegno è stato realizzato da Costantino

"Un giorno alla televisione ho visto un film dove c'era un cavaliere che combatteva con la spada. Questo cavaliere ha preso la testa dei nemici e a uno a uno gli staccava la testa. (...) Io ho superato la paura perché sono andato a letto perché avevo sonno" (Matteo V.)

"Era sabato sera e stavo vedendo ALIENS quattro. Poi era finito e sono andato a letto. Dopo tre ore mi sono svegliato per colpa di un incubo. Ho preso le pistole e mi è riuscito di dormire perché l'avevo sconfitto" (Matteo P.)

^ torna su ^

Il buio

"Io quando la notte mi alzo corro subito a bere perché ho sete; però mi sembra che mi segua un pupazzo parlante che ha una famiglia di pupazzi. Il pupazzo aveva un fiocco rosso e i capelli arancioni e le scarpe marroni e gli occhi azzurri e una faccia uguale a un robot e i vestiti neri. Allora non ho potuto superare la paura" (Federico)

"Quando non voglio stare più nel letto mi alzo perché voglio andare da mamma, penso che c'è una mano scheletrita che sbuca da sotto il letto, allora ci guardo sotto e corro. Ma è solo una piccola paura, perché non esiste" (Giulia)

"Io quando dormo e mi sveglio vado in bagno a fare pipì, ritorno a letto e mi sembra che m'inseguono i mostri. Allora io accendo la luce del corridoio, prendo la spada e poi dico: Io sono più forte di te!" (Mattia)

"Io una sera sono andato a letto e mi sono immaginato dei ladri che picchiavano la mia gatta e io sono corso dalla mia mamma perché avevo paura di farmi male perché i ladri avevano i coltelli. E questa paura l'ho sorpassata andando dalla mia mamma" (Vittorio)

Questo disegno è stato realizzato da Mattia

"Quando vado a prendere qualcosa, corro sempre perché ho paura. Soluzione: accendere la luce. Quando vado a letto ho paura che qualcuno venga in camera mia. Soluzione: girarsi" (Emre)

"Io un giorno sono andato in una camera di casa mia e c'era un mostro, ma ho acceso la luce ed era una poltrona con tanti vestiti sopra" (Shayan)

^ torna su ^

I serpenti

"Un giorno quando sono andato in montagna ho visto un serpente ho urlato per un attimo (...). Comunque ricordando quello che la mamma mi aveva detto ho sbattuto gli scarponi in terra e il serpente è andato via" (Jacopo)

"Un giorno ero andata in giardino. Ho visto qualcosa muovere, era un serpente e io mi sono spaventata e ho urlato. La mia mamma ha telefonato a babbo che l'ha liberato dove c'era tanta erba. Ho accarezzato quel serpente e ora non ho più paura" (Martina)

^ torna su ^

I luna-park

"La mia paura è stata quando sono andata nel castello di un parco perché c'erano le streghe con gli occhi lucidi. E i fantasmi che si muovevano a destra e a sinistra" (Alice)

"Io a un parco giochi a Tirrenia ho visto un castello e ho provato a entrarci. E poi ho visto un signore che diceva Buongiorno [il bigliettaio, NdR]. Io poi sono entrato con il mio babbo, abbiamo visto gli scheletri e i fantasmi che facevano sc-sc-sc e sembrava come le onde del mare. Finalmente siamo usciti e siamo tornati a casa" (Andrea C.)

"Quando siamo andati a Tirrenia io e mio papà siamo andati dentro un giochino dove c'erano tutti i mostri che facevano u, u, u. Io mi sono attaccata al mio papà e quando siamo usciti fuori il mio papà mi ha consolata e non mi è più venuta paura" (Linda)

"Io un giorno a Marina ero andata alle giostre con mia cugina Valentina. Siamo andate su un trenino che andava velocissimo. Siamo salite. Siamo andate in alte, dopo. Io non me lo aspettavo che andasse indietro" (Alessia)

^ torna su ^

I fantasmi

"Io una notte quando stavo dormendo avevo sentito delle voci e mi sono spaventata. In cucina ho preso la pentola e ho aperto la porta di casa: erano i fantasmi. Mi ero nascosta dietro la porta e loro sono andati solo perché mi ero accorta di tutto" (Erica)

"Io ho paura dei fantasmi che volano e camminano. Poi dei teschi che camminano e di quelli che mi fa Giulia. (...) Ma per fortuna c'è il mio teschio Sparisci paura" (Matteo R.)

^ torna su ^

Il vuoto

"Quando io mi sdraio sul divano ma sono sempre sveglio mi sembra di scivolare e di risalire, schiantandomi a terra, da un'altezza di sei metri e mezzo. Per combatterlo mi alzo e gioco" (Francesco)

^ torna su ^

Era assente: Jessica

Le paure più ricorrenti

Scorrendo tra le paure espresse dai bambini scopriamo che alcune di esse sono ricorrenti, cioè condivise da più di uno.

La paura in assoluto più sentita è quella del buio, di quando si è soli nella notte. Questo è normale per un bambino, che necessita di una protezione da parte delle figure conosciute e amate come il padre e la madre, che durante la giornata è sempre in compagnia di qualcuno. Il buio, già di per sé, è qualcosa che fa paura perché non si vedono più i riferimenti ai quali siamo abituati. Ciò vale anche per gli adulti: la paura del buio è un archetipo per l'uomo. A maggior ragione per i bambini che non hanno ancora elaborato un chiaro confine tra il mondo della realtà e quello della fantasia: per loro il buio potrebbe effettivamente essere il regno di mostri e fantasmi, perché chi assicura che essi non esistono? Secondo una nota psicologa infantile, Martine Le Strat, persino figure benigne come un Babbo Natale o una Befana possono creare disagi nella prima infanzia.

Quest'ultimo tema si lega alla paura che nasce guardando un film o andando a un parco giochi. Qui, mostri, fantasmi o immagini violente spesso si concretizzano in figure talmente realistiche che vengono prese sul serio. La paura nasce spontaneamente perché è come se si desse al bambino la prova che i mostri non sono frutto della sua fantasia, ma una realtà effettiva che si mostra solo in particolari occasioni non controllabili. Perciò poi, tornando al buio della propria cameretta, egli avrà ancor di più la sensazione del pericolo e dell'incombere di questo mondo, diverso da quello diurno e sorridente dei genitori, dei compagni, ecc.

Queste osservazioni dovrebbero rendere coscienti gli adulti della necessità di tutelare i bambini dalle paure inutili, da tutte quelle cose che accentuano in loro il senso di fragilità nei referenti sicuri. Se non si può spegnere il televisore o evitare di entrare nel castello stregato di un luna-park, almeno si può chiedere ai bambini di parlare delle cose che lo hanno colpito e delle sue paure, per evitare che i dubbi si tramutino in lui in incubi.

^ torna su ^

 




Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina
www.letteratour.it

 

HOME   Scrivici   Vuoi collaborare?   Redazione   Hanno detto di noi   Copyright e Privacy
© 2001-2017  www.letteratour.it
Sito realizzato con passione da SPC GROUP