Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Incontro con Enrico Pietrangeli

Nella categoria: HOME | Incontri d'autore

Una moderna interpretazione di temi antichi come l'amore e la morte, una rivisitazione assolutamente personale degli anni '70, un clima urbano fatto di musica, incontri e solitudine. Da scoprire attraverso le parole e la splendida voce di Enrico Pietrangeli.

Enrico Pietrangeli è nato a Roma dove attualmente vive e risiede. Terminati gli studi, ha spesso soggiornato altrove in città come Barcellona, Lione, Amsterdam ed ha svolto attività di volontariato in Senegal orbitando pure intorno agli ambienti artistico letterari della capitale e frequentando poeti contemporanei come Dario Bellezza e pittori come Tano Festa e Diana Rabito.

Ha partecipato, fin dai primi anni ottanta, a diverse rassegne ed incontri di poesia nella capitale. Ha recentemente pubblicato il libro “Di amore, di morte” per la Teseo Editore di cui hanno parlato diverse riviste letterarie tra cui Prospektiva, Storie, Poesia ed anche musicali come Rockerilla e Freak Out. Ha inoltre completato la stesura del suo primo romanzo “In un tempo andato con biglietto di ritorno” e realizzato una seconda raccolta in versi inedita dal titolo: “Ad Istanbul, tra pubbliche intimità”. Collabora con Tam Tam, l'UNS, il sito Supertrigger ed altri siti/riviste. Inediti ed alcune traduzioni sono stati inseriti in riviste ed antologie. Gestisce il sito Poesia, scrittura e immagine.

Email: enr@vizzavi.it

>> Scarica l'intervista (formato rtf)

TANGOPOLIS: MOSTRA FOTOGRAFICA SU BUENOS AIRES

A rilento, la fabbrica abbandono
e m'incammino, imbronciato,
alla volta della cerveceria,
per rincontrare certi amici
e vincere, tra il bere e il dire,
quest'insolente malinconia.
Vibra nell'aria una fisarmonica
per le strade di Buenos Aires
e da quando mi hai lasciato,
per una struggente alchimia,
sono le stesse dell'infanzia,
vellutate e in bianco e nero,
colme di una fertile nostalgia;
tenui sfumature percorrono
labirinti delle memorie,
il volto di mio padre, operaio,
sempre stanco e alla ricerca
di un incerto, nuovo lavoro.
Stanotte sarà ancora insonne,
senz'amore, sudando nel letto.
Dio! Che languido tormento
mi trafigge inesorabile il cuore;
è un antico, consueto suono
di un vecchio accovacciato
che abbraccia il suo organetto.

A L.A.

Eravamo due sconosciuti vicini,
tanto da concederci un antico gusto
di spiare rumori e persino sospiri;
un insolito vento o l'inaffidabile
pigra mondanità di uccelli urbani
ha disperso i nostri pollini
senza mai tramutarli in frutti
nel comune scorrere di stagioni
vissuto tra le quattro zolle di terra
che dividevano le tue dalle mie radici:
casa, certo punto di memoria,
dal tuo segreto sorriso sporge
questo mio disordinato archivio.

IL PAZZO

È un lago fondo e chiaro
d'impeccabile innocenza,
nobile e azzurra vi scorre
pupilla senza più ragione
diritta scorge e solca
remoti labirinti d'animo
e ignudi vermi che siamo
ci voltiamo ignorandolo.

"A L.A." e "Il Pazzo" sono poesie tratte da: Enrico Pietrangeli, Di amore, di morte - 2000, Teseo Editore

Il libro "Di amore, di morte" è da poco scaricabile in versione elettronica, nel catalogo di poesia contemporanea della Kult Virtual Press con distribuzione gratuita. Si tratta di una versione ridotta rispetto al cartaceo, con una nuova nota introduttiva di Francesco De Girolamo, una raccolta di
commenti sul libro e l'inserimento di alcuni versi rimasti inediti con inclusa la documentazione di una versione digitale detta "prompt" della poesia "A Mosaic".
>> scarica l'e-book

Di "Tangopolis" è possibile scaricare e ascoltare la bellissima interpretazione dello stesso autore, in mp3 (800 k)
>> Ascolta Tangopolis

Il suono e la memoria

«Il suono è una memoria certa e radicata dove, spesso, restano occulte le origini più remote»

«Durante gli anni sessanta non ero che un bambino i cui ricordi fluttuano, a tratti, sconfinando in lunghe zone nere dove qua e là emergono pochi particolari eventi. Con la musica è tutt'altra storia; ogni canzone di quell'epoca mi riporta ad un chiaro dettaglio, talvolta inverosimile e sempre con la convinzione di averlo comunque vissuto in prima persona»

(da www.supertrigger.com)

Il libro

«Ecco una raccolta poetica schietta, ruvida, densa come i cibi naturali, biologici, non trattati con artifici chimici, di cui oggi c'è sempre più un salutare, impellente bisogno» (F. Di Girolamo)

«Abbiamo tra le mani un piccolo "libro aureo" di rara autenticità. La parola vi sorge e vi si concretizza, come ferma vitalba di idee, in una esemplare zona di contemplazione, dove cuore e ragione vanno insieme, anima e corpo tengono strenuamente ogni loro dato esistenziale, a fronte di qual si voglia alienante reificazione dei linguaggi e delle mitopoiesi letterarie» (G. Scartaghiande)


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina



I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG

Anna Lattanzi
VAI AL BLOG



www.letteratour.it