Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Marie-Henri Beyle - detto Stendhal
"La Certosa di Parma"

di Reno Bromuro

Nella categoria: HOME | TOURismi letterari

Intro
Biografia
Il romanzo
La critica

Lo scrittore francese Stendhal, pseudonimo di Marie-Henri Beyle, nacque nel 1783 e partecipò, giovanissimo, alle campagne napoleoniche. S'appassiona talmente dell'Italia, che, dopo avervi ricoperto incarichi diplomatici in seguito alla calata di Napoleone, vi ambientò molti dei suoi romanzi, tra i quali: "La Certosa di Parma", dominata dall'atmosfera di liberazione che seguì l'arrivo delle truppe francesi sul nostro territorio e la conseguente eliminazione del dominio austriaco, il volume di viaggi "Roma, Napoli e Firenze" e "Passeggiate Romane".
Le storie sono ambientate in un'Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie d'incontri peripezie al termine dei quali si trova il luogo del silenzio. Lo spazio simbolico dell'isolamento e della rinuncia: la Certosa di Parma.
Alla battaglia di Waterloo, che apre il percorso del protagonista, Fabrizio scopre che la realtà è indecifrabile e sfuggente. Restano le emozioni, i sentimenti, primo fra tutti la passione amorosa. Ma l'amore tanto cercato sfugge all'infinito: la "caccia alla felicità" si risolve in un gioco di prospettive e di dissonanze.
L'opera da noi esaminata è l'edizione curata da Franca Zanelli Quarantini, che ha un saggio introduttivo di Paul Valéry. La certosa di Parma è un romanzo modernissimo, profondamente "realista". Stendhal vi riassume ad un tempo lo spaesamento che la nascente società borghese determina nell'individuo immerso in una realtà politica e sociale in continua evoluzione e la perdita tutta individuale delle illusioni, il disincanto che scopre, soggetto ad un insieme di forze che dirigono arbitrariamente la sua esistenza, incapace di risolvere i propri dubbi intorno al passato e al futuro.
Ma di fondamentale importanza è il romanzo "Il Rosso e il Nero", formalmente e contenutisticamente permeato da un realismo moderno che, nell'ambito di una sensibilità di tipo romantico, si pone in maniera attenta nei confronti della società ma che, ai tempi della sua pubblicazione, incontrò pochi consensi.

torna su

Biografia

Stendhal nacque a Grenoble da una ricca famiglia borghese. A sette anni perse la madre cui era molto affezionato. A Sedici anni, insofferente al padre che aveva ccominciato a contestare e forse detestare per il suo conservatorismo sfacciatamente bigotto, abbandonò la casa paterna per recarsi a Parigi. Sua intenzione, senza risorse economiche, era quella di iscriversi alla Ecole Polytechnique, ma per ristrettezze finanziarie fu costretto a rinunciarvi. Si trattenne lo stesso a Parigi lavorando, aiutato da suo cugino Daru, alcuni mesi come semplice impiegato al ministero della guerra; poi, scoppiati tra i giovani gli entusiasmi per le campagne napoleoniche in Italia, l'anno dopo raggiunse l'armata di Napoleone a Milano. Qui nacque il suo amore per l'Italia, che non cessò mai di riconoscere come sua patria d'elezione. Il giovane, conquistati i gradi di sottotenente, a Venticinque anni diventa aiutante di campo del generale Michaud, e quasi subito entra a far parte della amministrazione imperiale civile e militare. Incarico che gli permette frequenti viaggi in Italia, in Austria, in Russia, in Germania, fino alla caduta di Napoleone.
Dieci anni di singolari esperienze; sempre a contatto con uomini d'ogni ceto sociale; e con loro a vivere lo "spirito del tempo".
Alla restaurazione non rientrò in Francia ma si ritirò a Milano. Un soggiorno di sei anni che gli permise di vivere e partecipare con intensità alla vita culturale milanese di quel periodo molto instabile politicamente e anche molto critico; infatti dovette interrompere questo idillio dopo i moti piemontesi,per far rientro a Parigi dopo essere entrato nei sospetti degli austriaci come seguace della carboneria milanese.
In Francia, trentasettenne, senza molte risorse economiche, e ancora del tutto sconosciuto come scrittore, iniziò a collaborare con alcune riviste di critica d'arte e musicali con articoli piuttosto singolari. Non esprimendo una critica rigida ristretta su questi argomenti, ma diventando un poligrafo, con diverse forme d'espressione, un narratore, un giornalista, uno storico, un memorialista, un diarista; non dimenticando di fare l'osservatore politico, di inserire nelle sue pagine le polemiche culturali in atto, ed infine di fare lo psicologo e concedersi anche momenti di meditazione autobiografica con l'io narrante, inventandosi il fortunato pseudonimo Stendhal, di un personaggio attento ma disinvolto, spigliato ma competente, brillante ma ben informato, con toni confidenziali, spesso anche sublimi, come in Considerazioni sull'amore, uscito nel 1822, suscitando l'entusiasmo dei lettori e dei critici, avidi in questo periodo d'indagini tra cronaca e storia.
Sopravvivendo fino alla rivoluzione del 1830, con l'avvento di Luigi Filippo, riuscì ad ottenere quello che desiderava:con la nomina di Console a Trieste ritornò in Italia. Ma anche qui, in terra austro lombardo-veneta, come a Milano anni prima, fu considerato dalle autorità austriache persona indesiderata. Dovette ripiegare sullo Stato Pontificio a Civitavecchia; non male come destinazione giacché con continui viaggi scoprì a fondo gli ambienti, e non solo artistici-culturali, di Roma, Firenze, Napoli. Tre mondi molto diversi, con viaggi nel mezzo di condizioni umane altrettanto diverse.
Scrisse libri che sono specchi d'incontri umani, con quella preziosa sensibilità stendhaliana che distingue questo scrittore che ha il segreto di comunicare con uno stile inconfondibile; un taglio giornalistico ma anche sapienti sollecitazioni intellettuali che mantengono sempre viva l'attenzione del lettore.
I suoi romanzi costituiscono il primo grande modello della narrativa realistica ottocentesca, che da epoche remote attingeva le tematiche più adatte a descrivere la contemporaneità ed i cui protagonisti erano dominati da un ardente volontà di affermazione personale e di fuga dalla grigia quotidianità. Dialoghi tra l'autore-personaggio e il lettore- ascoltatore. Strumenti di una comunicazione nuova, dei veri e propri incontri. L'autorità dello scrittore supera i limiti di una cultura nazionale, raggiungendo dimensioni universali, trovando accoglienza ovunque si era pronti a ricevere e discutere idee nuove, tanto più se proposte con energia e onestà. Idee libere di muoversi in spazi propri, ancora caotici, ma che dal giorno della sua scomparsa diventeranno veri e propri universi in formazione.

torna su

IL ROMANZO

Un giovane sensibile e bello, Fabrizio del Dongo, compie il tragitto stendhaliano della felicità, che si adempie sia oggettivamente attraverso l'impegno nella storia sia soggettivamente attraverso il compimento pieno delle passioni della vita privata. Pubblico e privato, Waterloo e Napoleone, s'intrecciano alla passione per la Sanseverina, e nel romanzo premono con la stessa potenza virile.
Figlio del tenente Robert, arruolato nella Grande Armata napoleonica che aveva varcato le Alpi il 15 maggio 1796, destando l'Italia dai secoli bui in cui era caduta dalla Controriforma, Fabrizio è figlio illegittimo del militare francese e della marchesa del Dongo.
Protetto dalla zia, Gina donna deliziosa di trent'anni, modello d'impertinenza e di seduzione, votata alla felicità ed irriducibilmente libera e diventata duchessa Sanseverina in seguito ad un matrimonio d'interesse combinato dal conte Mosca, primo ministro della minuscola corte di Parma, e suo spasimante, Fabrizio inizierà una carriera brillante ecclesiastica che lo porterà fino all'arcivescovato di Parma.
La Sanseverina è il personaggio centrale del romanzo da Italo Calvino indicata paradossalmente come "il più grande personaggio femminile della... letteratura italiana". Il suo amore per il nipote Fabrizio è la riproposizione dell'amore tra due esseri con una forte differenza di età, e, nell'Ottocento una "donna di trent'anni" era una donna "matura".
Perseguitato dal potere oscurantista e dispotico che regna a Parma, i maneggi politici tra il Principe, il conte Mosca e la Sanseverina sono tra gli aspetti più godibili del romanzo. Imprigionato e condannato a morte, Fabrizio incontra l'amore proprio in prigione nella figura di Clelia Conti, la figlia del governatore della fortezza. Liberato dalla Sanseverina, con una fuga romanzesca, dopo molte tribolazioni e sofferenze, finirà per trovare il suo unico amore, Clelia, da cui avrà un figlio, Sandrino. Ma la morte del bambino determina quella, di crepacuore, della madre, come anche il ritiro di Fabrizio alla Certosa di Parma, dove non tarderà a seguire nella tomba le persone amate.
In questo romanzo si incrociano tutte le costanti stendhaliane: nascita illegittima, due donne e due amori di età differenti, la ricerca difficile della felicità nell'individuazione della sua intima essenza. Senza dubbio appare come il vero testamento del romanziere poiché vi si trova accolta in forma romanzesca tutta la mitologia stendhaliana. Il principale protagonista del romanzo è l'Italia, o piuttosto ciò che Michel Crouzet chiama la "Stendhalie" ossia il personale mito romantico di Stendhal, un Paese idoleggiato impastato di sole e del profumo degli aranci, terra della passione bollente, dove l'intrigo machiavellico, l'amore libero e disinibito si legano al brio, all'energia, al delitto. Intrigo politico, con estremisti sempre in agguato, ecco la figura di Ferrante Palla, passioni, pugnali e veleni: l'Italia di sempre?

torna su

LA CRITICA

La Certosa di Parma esprime il distacco più completo di Stendhal dal mondo contemporaneo e il suo trionfo su di lui; il romanzo è l'espressione della sua alienazione rispetto all' epoca e del suo rifiuto di lasciarsi bloccare da quella alienazione. La Parma di Stendhal non appartiene né al Diciannovesimo secolo né, come sostengono alcuni critici, all'epoca di Machiavelli; è indipendente dal tempo e dallo spazio, un modello in formato ridotto di governo autocratico; qui la politica, per un paradosso che è la molla segreta della grandezza di Stendhal, si presenta ai nostri occhi con l'evidenza rappresentativa di una parabola e con la stilizzata illogicità di un'opera lirica. La maggior parte dei romanzieri che volgono la loro attenzione alla politica, penso soprattutto a Conrad, tendono a considerarla un ostacolo che il mondo interpone sulla strada che porta alla felicità. Anche Stendhal vede la politica sotto questa luce, ma il suo modo di considerarla e di accostarsi ad essa è molto più complesso. La politica non permette al conte Mosca e alla duchessa Sanseverina di godersi la felicità che sarebbe alla loro portata, impedisce a Fabrizio di fuggire con la sua cara, Clelia; la politica è la forza del mondo esterno che impedisce agli uomini di seguire i loro più sani istinti ma è anche qualcos'altro e di ciò si rendono conto pienamente solo Stendhal e Dostoevkij tra i romanzieri dell'Ottocento: è un modo di sfogare quelle stesse passioni che la politica soffoca;non è solo un ostacolo per la volontà ma anche uno stimolo e una sfida; non è semplicemente un invito alla pusillanimità ma, a volte, un invito all'eroismo.
L'ultimo romanzo di Stendhal fu scritto, o piuttosto dettato, tra il 4 novembre ed il 26 dicembre 1838. In cinquantadue giorni. Uno degli exploits più memorabili della letteratura francese. Dopo i romanzi ambientati nella Francia contemporanea (Armance, Il rosso e il nero), l'autore ritorna all'Italia, terra dell'altrove e della felicità, ultima utopia poetica.

torna su


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina



I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG



TORNA SU
www.letteratour.it