Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Spirito Lakota, di Jim Yellowhawk

di Rosella Rapa

Nella categoria: HOME | Nuovi autori

 

Meraviglia. Pura emozione.
E' quanto si prova sfogliando le pagine illustrate, che ci portano in un mondo lontano, a metà strada tra il Sogno e la Storia, intesa soprattutto come "narrazione". Non a caso il nome nativo dell'artista Jim Yellowhawk è Tawoilamble Kpago "colui che traccia i suoi sogni".
Il libro ci mostra  alcune opere dell'artista, che con disegni e dipinti caratterizzati da un suo personalissimo stile, racconta la vita dei Nativi Americani e, nello specifico, dei Lakota (da noi sempre conosciuti come Sioux, che non è il nome corretto).

Le tecniche sono diverse e molto originali. Anche dalla riproduzione si nota la carta pregiata, il brillare della foglia d'oro, l'utilizzo del movimento circolare. Spettacolari cieli stellati e simboli ancestrali. Su questa base si rincorrono cavalli, bisonti e... motociclette. L'arte di Jim Yellowhawk non è rivolta solo al passato, ma anche al presente e al futuro, con attenzione ai problemi del momento, come possiamo vedere dai due dipinti in cui il virus del Covid-19 incombe come un mostro inquietante. Non manca un sottile umorismo, tracciato proprio "in punta di penna", che compare quà e là, a vivacizzare la raccolta. Questi diversi elementi descrittivi, racchiusi tra i disegni, definiscono Jim Yellowhawk come un artista completo, capace di dar vita a emozioni e sentimenti, tra cui emerge fra gli altri il rimpianto del passato, non tanto quello dei guerrieri e delle battaglie, ma quello appartenente ad una sfera più personale e mistica. A questo aspetto fortemente simbolico appartiene la copertina del libro, con il ritratto di toro Seduto tra dollari rovesciati, da osservare bene, perchè nascondono un'altro simbolo. Ogni disegno va osservato a lungo, e più volte, perchè si svela pian piano; prima ci dà una macro-idea sull'argomento, poi ci prende per mano e ci porta verso spazi immensi e vita semplice, molto legata al territorio e alla scoperta di se stessi, con un gran rispetto per l'armonia del Creato. Il cerchio, quasi sempre presente, ricorda gli antichi "scaccia-incubi", con la rete e le piume, molto in voga ancora oggi, come manufatti tradizionali apprezzati dai turisti.

La pittura, realizzata un tempo su pelli di Bisonte, è un'arte tradizionale molto antica; oggi Jim Yellowhawk, artista riconosciuto a livello internazionale, la ripropone con tecniche differenti tra loro, ma con un'impronta personale che si riconosce subito. L'apparente linearità del tratto non deve trarrre in inganno: osservando con attenzione vengono alla luce infiniti dettagli, che concorrono a costruire le figure dei guerrieri a cavallo e dei bisonti. I bisonti ricordano le pitture rupestri Europee, risalenti alla preistoria. La caccia è attività legata alla vita, il bisonte non è vittima, ma compagno nell'esistenza, è animale sacro, e come tale viene onorato.

L’opera viene presentata da noi, in Italia, ma si rivolgerà ad un mercato internazionale, perchè è completamente bilingue, con testo in italiano e in inglese.
La "galleria" delle illustrazioni è accompagnata da una breve biografia dell'artista, e da presentazioni e note di alcuni esperti che indirizzano alla "lettura" dell'arte nativa americana e di Jim Yellowhawh in particolare. Un aiuto indispensabile per inoltrarsi in un mondo lontano da noi, eppure oggi anche molto vicino, per esempio per la cultura del rispetto dell'ambiente, che si è risvegliata tra molti giovani (e anche meno giovani ...).

Gli autori meritano assolutamente di essere menzionati:
Raffella Milandri scrittrice e attivista per i Popoli Indigeni, editrice e curatrice dell'opera; sue le note esplicative; Marco Ghion, disegnatore di Tex Willer, autore della presentazione; Carlo Gentili, artista del Maceratese, autore della nota critica.

Tutti i contributi, tra cui i dipinti sono naturalmente la parte preponderante, si configurano come una guida, un invito ad inoltrarci tra i Nativi Americani e la loro preziosa cultura, che ancora oggi, nel XXI secolo, va aiutata a sopravvivere e difesa dal Predatore, il Nemico: l'Uomo Bianco, avido solo di ricchezze. Un tipo di personaggio con cui, fieramente, non ho nulla a che fare: preferisco cercare di avvicinarmi ai Nativi tramite le opere di questo libro, e spero che molti possano ammirarlo ed acquisire almeno in parte lo spirito della vera, antica, incontaminata Terra degli Uomini Rossi.

 

 

Rosella Rapa (classe 1959) è nata a Torino. Si è laureata in Cosmo-Geo-Fisica, scrive e disegna fin da bambina. Collabora con Letteratour dal 2001, quando uscì il suo libro Draghi & Computer (sette racconti fantasy). Si interessa di Matematica, Letteratura e Storia Europea, vecchi Film e Serial impegnati. Le piace viaggiare, soprattutto nell'Europa del Nord, per vedere con i propri occhi paesaggi, arte e persone. Un po' estrosa, non ama pregiudizi e preconcetti.

     

  Riparti sicuro!

Grazie per contribuire anche tu a preservare la nostra salute e quella dei nostri cari. Ricorda di:

  • Lavare spesso le mani
  • Indossare una mascherina quando esci
  • Mantenere le distanze

A tutti un grande abbraccio!
Seguici sui nostri canali:  Telegram  |  Facebook






Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina




Seguici sui nostri canali:  Telegram  |  Facebook


I NOSTRI SPECIALI

Storia del Fantasy

di Rosella Rapa

 

Pillole di Fantascienza

di Rosella Rapa

 

Arthur Rimbaud

di Elio Ria

 

Dante Alighieri

di Elio Ria

 

Balcanica

di Anna Lattanzi

 

Letture stravaganti

di Tiziano Gorini

 

I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG

Anna Lattanzi
VAI AL BLOG



www.letteratour.it