Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Sandor Marai
Le braci:  l’arte del monologo

di Rosario Frasca

Nella categoria: HOME | Recensioni

 

 “Le parole sono importanti” prima sussurra e poi urla Nanni Moretti, in preda ad un raptus nevrotico e schiaffeggiando la malcapitata intervistatrice che gli rivolge domande inzeppate di luoghi comuni. (Palombella rossa).

Sandor Marai, nel romanzo Le Braci, non lascia niente ai luoghi comuni o all’immaginazione, tutto è detto minuziosamente in progressivi e incalzanti monologhi dei protagonisti; e mostra magistralmente quanto siano importanti le parole e i silenzi; talmente importanti che gli avvenimenti e la storia  stessa sono  narrati in un profluvio di parole che scavano l’anima ormai incenerita dei protagonisti; parole che come un soffio spazzano la cenere degli anni fino ad arrivare alle braci ancora ardenti che lentamente e inesorabilmente consumano l’esistenza. La storia non è resa come una serie di avvenimenti oggettivi e sequenziali, ma come scenario di un vissuto soggettivo del personaggio.
 
Il Generale attende quarantuno anni, in ostinato isolamento e lontano dalla moglie, il ritorno dell’amico, fuggito in oriente per evitare la guerra e sfuggire a un’ineluttabile resa dei conti. Questo almeno sembra a chi legge senza approfondire più di tanto gli avvenimenti e le situazioni narrate. Situazioni che non sono descritte da un punto di vista esterno alle vicende raccontate, ma dai personaggi stessi che le vivono. Nulla quindi può assumere veste di “verità storica”, ma tutto è “veramente vissuto”, sofferto e gioito da chi racconta.

Il romanzo è quindi una dilatazione temporale dell’incontro-confronto risolutivo che entrambi gli amici hanno atteso nelle loro opposte peregrinazioni esistenziali. La storia si sviluppa, anzi i loro racconti sono resi in una successione d’incalzanti monologhi intercalati da brevi fasi descrittive di luoghi e di personaggi. In questa dilatazione smisurata dell’anima, i due amici si raccontano tutto senza niente svelare; tutto rimane non detto nonostante il profluvio di parole.

La “terza verità” resta imprigionata nelle pagine di un diario; un “libretto giallo legato con un nastro azzurro” che il Generale non ha voluto leggere per rispetto della moglie e che in occasione dell’incontro, offre alla lettura dell’amico-rivale  il quale non sa far di meglio che opporre il suo deciso rifiuto. La resa dei conti tra i due amici si consuma in quei lunghi interminabili  istanti; ma la “terza verità” resta nascosta  nei meandri più remoti delle loro anime mentre, nel caminetto accanto a loro si consumano ancora le braci ormai esauste delle loro solitudini.

Il racconto è sapientemente sviluppato dai diversi punti di vista che svelano a poco a poco, oltre alla storia, anche la psicologia e le personalità contrastanti dei personaggi; il tutto sfocia in una sorta di ”ultima cena” di fedeltà tradite, invidie taciute e amori confermati e inespressi. Questa diversità di punti di vista connota la prosa di una certa vivacità, offrendo a chi legge anche squarci di sorprendente e inaspettata poesia.

Non c’è spazio per l’amore in queste pagine; eppure l’amore è l’incontrastato dominatore dei sentimenti che, come linfa invisibile, alimenta passioni e solitudini esistenziali dell’ostinato e orgoglioso Generale e dell’amico traditore, in fuga dalle situazioni galeotte, dalla verità e da se stesso. Uno scontro tra due modi di intendere la vita che riflettono il contrasto tra il vecchio mondo aristocratico del Generale e l’incalzante mondo borghese che reclama la sua superiorità culturale; una superiorità che si rivela sempre più fittizia e non sufficiente a rimpiazzare i valori della tradizione. Un contrasto culturale storicamente confermato ed espresso dal primo conflitto mondiale che fa da sfondo alle vicende narrate.

La donna oggetto e soggetto delle passioni narrate è sublimata dal rispettoso atteggiamento degli amanti che con le loro parole sembrano proteggerla dal sudiciume che le passioni comportano. Il suo silenzio colora di rosa pastello le cupe atmosfere del rancore e dell’invidia. Lei e il ricordo di lei, aleggia nei monologhi come angelo senza dimora; lei è ancora l’unica ragione per cui valga la pena parlare e tacere, per il marito, per l’amante inespresso; e per chi ha la fortuna di leggere questo romanzo di grande respiro, che offre le intimità taciute dell’amore esistenziale.

torna su


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina



I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG



www.letteratour.it