Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Oga Magoga, di Giuseppe Occhiato:
La permanenza della poesia

di Anna Stella Scerbo

Nella categoria: HOME | Analisi critica

“Il linguaggio è la casa dell’Essere, nella sua dimora abita l’uomo, i poeti e i pensatori sono i custodi di questa dimora”

Martin Heidegger

*

All’interno di una cattedrale, bellissima, misteriosa e complessa nella sua architettura, -  coni d’ombra ed epifanie di luce, guglie affilate e archi morbidi, voci sommesse ed echi di grida taglienti –   così ci sentiamo percorrendo le pagine, più di mille, di Oga Magoga, opera mondo, definizione molto usata, così come ripetuta è l’attenzione dei critici, poco numerosi ma tutti autorevoli, al lunghissimo tratto di vita che l’autore, Giuseppe Occhiato di Mileto, ha impegnato nelle varie stesure dell’opera. Cinquanta anni di sudatissime carte, di conoscimenti e ancor più di disconoscimenti- è autore della Calabria, letteratura marginale, terragna, non degna di stare al fianco di quella nazionale, men che meno di quella internazionale- una prima stesura in versi che evolve in altre in prosa, quindi l’edizione in tre volumi nel 2000- silenzio assordante, a parte il premio Corrado Alvaro del 2003, un convegno nel 2011 a un anno dalla morte, per ricordare o per svelare la grandezza dell’autore, saggi memorabili, ciascuno nel nome e per conto di una parte selezionata all’interno della magmatica e complessa materia narrativa, non solo di Oga Magoga ma dell’intero percorso , dall’esordio con  “Carasace” del 1989, a “Lo Sdiregno” del 2006 a “L’ ultima erranza” del 2007-

E a un certo momento, alle note flautate dell’uccello notturno, si sovrappose […] una voce scardina e alloppiante che pareva arrivasse da remote distanze […] intrisa di misteriose promesse aurorali […]. Quella voce, quell’esile voce bagnata di luna, pioveva balsamo, pareva sgorgare da una fonte che era la fonte stessa della vita e della morte, si discioglieva e si fondeva con gli abissi del tempo; era la limpidezza, la tenerezza stessa della luce iniziale dell’universo, del mondo appena formato [Oga Magoga pag. 544]

Aprirsi alla bellezza, all’incanto di Oga Magoga, significa restituirle la sua più autentica dimensione, quella poetica. Cercarne e rinvenirne  la Poesia, categoria dello Spirito prima che caratteristica di Letteratura è il compito che ci siamo dati, per affetto verso tutto ciò che è canto dell’umana esistenza, narrazione di sfere sotterranee o celesti che nelle loro circonferenze trascinano uomini e cose.

Ogni assertività, ogni tentazione dichiarativa si eclissa, nel linguaggio dell’opera, per lasciare spazio e tempo alla  “poiesis”, che è, nel suo significato originario, portare alla luce ciò che è nascosto e che aspetta dall’origine del suo farsi, proprio di essere portato alla luce in un canto epifanico che tocca l’origine del mondo, il cuore stesso dell’Essere. Il linguaggio, lo crediamo per vero, è  la casa dell’Essere. Essenziale all’uomo, è dare voce a ciò che accade e si manifesta, come a ciò di cui si ha memoria, che sia guerra o strazio, attrazione di ‘amorosìa’ o richiami di stelle. Ugualmente è dare presenza a forze sotterrannee, orrifiche e maligne che chiamano alla morte e allo ‘scenufregio’. C’è un cammino ineludibile che da sempre ci porta a dipanare e a spiegare ciò che nel linguaggio è sommerso, a oggettivare quanto si presta a necessità di chiarezza, e nello stesso modo, a velare, a chiudere ogni accesso a quanto rimane a noi, di mistero e di oscurità.

Non è questa l’essenza della Poesia, non è questa la sua natura, la ragione stessa del suo esserci? Poiché la Poesia è chiamata a nominare, essa nominando le cose le chiama nella loro essenza, le fa vivere, le anima e le cambia.

Per queste ragioni, il linguaggio di Oga Magoga è linguaggio poetico. Il suo procedere circolare rende possibile ritrovare, nello scorrere delle lunghissime pagine, personaggi ed eventi ogni volta nuovi, ancora con le loro storie da vivere o da rivivere. Lento procedere che esige un lettore ‘paziente e intelligente’ e che ci pone di fronte a un parlare liberato e salvato nelle sue forme di originario o ricostruito dialetto.

Liberato da fin troppo usati nodi formali e dalle incrostazioni che ne trattenevano la voce e salvato dal pericolo di restare sommerso in una dimensione di smemoratezza e di lontananza.

Il dialetto, mosaico di più parlate, nelle strutture macro - interazionali, così come in quelle micro - interazionali, frase dopo frase, parola dopo parola, è suono e senso che rivela, mai del tutto, i moti dell’animo di ciascun personaggio che è percepito prima e interiorizzato dopo dal lettore per come il narratore lo ha voluto e per quanto ha saputo depositare, all’interno del suo spirito, di commozione, di incanto, di dolore - 

Si sentì di colpo come svuotato e assonò tutta la pezzentia sua, avvertì acuta la propria solitudine, nudo e mortigno sotto le stelle che lo salutavano, stelle lustruose e puntute come zaffiri […] si riconosceva sotto il proprio cielo […] ma nonostante ciò si sentiva solizzo e lontano, disperatamente lontano come quello stellato che ruotava con l’invisibile cielo, intorno alla terra, perdutamente [Ibidem, pag. 25]

L’autore non soltanto parla il linguaggio, ma parla del linguaggio, mostrandocene il profilo, la trama, gli elementi che si formano tra i parlanti e il loro stesso parlare, tra quello che viene “liberato” nella parola e quello che nella parola, resta inespresso -

Non riusciva a rassegnarsi di fronte a quel corpo nudo, abbandonato dalla gioia della vita, spogliato per sempre dalla capacità di amare, di soffrire. E nudo, spogliato come quel corpo si sentiva ora anche lui, svuotato di ogni desiderio di vivere con un deserto di lontananza e di desolazione nel cuore [Ibidem, pag. 47]

Nella lunghissima narrazione di Oga Magoga, si riversa il carico di memorie in cui la ‘multeplicité distincte’, tempo storico conseguenziale, e la ‘ multeplicité confuse’, tempo della coscienza individuale, care a Proust, sono ugualmente presenti. L’autore ricorda e rivive, dimentica, per poi, sospinto dall’intelligenza poetica, tornare a ricordare e a immaginare.

La coralità di sentimenti, traviamenti, terrori di forze sotterranee e aeree, abita agevolmente con la singolare, netta presenza di personaggi che valgono non in quanto parte di una comunità, ma in quanto individualmente e singolarmente chiamati a rispondere di sé stessi, a mostrarsi e dichiararsi sullo scenario ora magico, ora realistico negli eventi narrati -

Qua di passaggio ne vengono tanti, ma lei li seleziona […] E li trattiene, li intrattiene, li infascia con le sua carezze […] li allazza con le sua parole, con la sua voce cantalora […] li sana se sono malati, li alliscia, li pasce, gli dà i tesori delle carni sue [...] [Ibidem, pag. 127]

*

Quella saracina che si nascondeva chissà dove nelle fuliggini della notte […], per quanto lontana che fosse, per invisibile che fosse, aveva una sua presenza assoluta […] era portatrice d’un mistero inscrutabile, disponeva di un mistero fatale […] [Ibidem, pag. 547]

*

Dianora si sentì un pochicello rassicurata e si accostò a Rizieri, stringendogli il braccio in segno di fidanza, di amorosìa. La notte sorrise a quella nocentella e intanto che andava a poco a poco preparandosi all’alba, le infuse nelle tele della pettorina una dolce calma […] [Ibidem, pag. 550]

Sono Fara, Orì e Dianora, le tre stelle che infasciano il cuore del ‘volantino’ Rizieri. La quarta stella, Vavara, è lontana.  Irrimediabilmente negata a lui.
Oltre, una voce di reale portata tragica -

Figlicello mio patito, figlicello mio perduto, mormoriava e la voce le usciva dal petto […] come spirasse anche lei […] figlicello mio spogliato, chi fu che ti portò a questo calvario? Chi ti volle flagellato, trafitto? […] Ah, figlio tribolato, chi ti passò le carni gentil? [Ibidem, pag. 1139]

Nel pianto straziato di donna Zarafina che ha fatto da mamma a Rizieri, e ora lo piange, ‘lazzariato’ nazareno, come non avvertire, l’eco del pianto della Madonna di Jacopone?

Dare conto di ciascuna delle presenze femminili in Oga Magoga ci  darebbe conferma della nostra convinzione dell’essenza poetica del romanzo così come inoltrarci nelle ‘affatanti’ immagini della natura, presenza dai tratti umani capace di farsi dolente spettatrice degli ‘ scenufregi’ terreni -

Si levò[…] un’albasia tenerella, lasciò il suo giaciglio di rose e di gigli[…] spiegando la lunga capellatura[…]. I capelli splendevano tersi, parevano matassine d’oro […] ma vide la scena del mondo[…] , le sue dita si levarono a coprire gli occhi già offuscati di lacrime[…] Come posso levarmi, come posso aprire le porte della luce? [Ibidem, pag. 1017]

L’ineffabile messaggio di un’opera dalle innumerevoli implicazioni, dai tanti rimandi di letteratura, resi noti dallo stesso autore in uno scritto apposito, è questo - scavare nel fondo enigmatico della storia e della vita è necessario -.  Alla fine, però, dopo aver chiamato presso di sé le cose dalla lontananza e averle nominate nella loro essenza e averle inscritte in un ambito di cielo e di terra, di creature reali o immaginate, presenti o nascoste e temibili, il mistero stesso della storia e della vita resta irrimediabilmente chiuso e lontano –

*

Faremo un giorno una carta poetica del Sud; e non importa se toccherà la Magna Grecia ancora, il suo cielo sopra immagini imperturbabili d'innocenza e di sensi accecanti. Là forse, sta nascendo la “permanenza' della poesia.

Salvatore Quasimodo

 

Anna Stella Scerbo si definisce tramite i libri, tanti. In ogni stanza, in ogni dove, tra tazze e piatti persino. E una Canon, che non si perda l'azzurro nuovo dell'agapanto e il grappolo di rose che ha osato l'altezza dell'ulivo. Tramite la nostalgia appagante di liceali resi adulti da una ri-creativa pedagogia e portati altrove dalla loro stessa bravura. Tramite antenati contadini, e un filosofo e glottologo caro a Croce. Tramite, infine, attese di bellezza, per gli anni a venire.

  Riparti sicuro!

Grazie per contribuire anche tu a preservare la nostra salute e quella dei nostri cari. Ricorda di:

  • Lavare spesso le mani
  • Indossare una mascherina quando esci
  • Mantenere le distanze

A tutti un grande abbraccio!
Entra nel canale Telegram di Letteratour: clicca qui







Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina




Entra nel canale Telegram di Letteratour: clicca qui




www.letteratour.it