Letteratour

www.letteratour.it ARTICOLO

Letteratura e... malattia
Da antico simbolo di corruzione morale
a sublimazione del malessere moderno

di Eloise Lonobile

Nella categoria: HOME | Letteratura e... altro

Intro
Anticamente...
Modernità del tema
Qualche autore

La malattia è un tema così diffuso in letteratura che se ne può parlare come di un vero e proprio topos letterario. Esso può essere presente in vari modi in un testo: può essere malattia di alcuni personaggi o malattia di un'intera collettività, può essere malattia corporale o morale, può avere un valore proprio, diciamo "casuale", o, più spesso, un valore simbolico.

torna su

Anticamente...

In passato, la malattia era vissuta dagli uomini come una punizione inflitta dalle divinità.

La punizione poteva investire un singolo individuo, reo di qualche terribile colpa verso altri individui o, più spesso, di avere infranto tabù inviolabili. Non soltanto le malattie, ma anche le deformità fisiche (la gobba, il rachitismo, ecc.) vengono collegate e attribuite a "deformità" morali dell'individuo. È per questo motivo che in quasi tutte le società antiche o primitive i gobbi e i deformi rappresentano un elemento disturbatore e pauroso, come se, essendo perseguitati dalle stesse divinità, non potessero far parte della comunità come tutti gli altri.

Talvolta la punizione è collettiva, di massa. In questo caso un'intera città o un'intera popolazione può subire la collera degli dei. Tra gli esempi più lampanti a questo riguardo abbiamo le numerose punizioni divine raccontate nell'Antico Testamento: intere città distrutte da Dio perché colpevoli di offendere la morale (Sodoma e Gomorra) oppure popolazioni annientate da calamità naturali o malattie (gli Egiziani di Mosè).

Le malattie più diffuse, nella realtà come nell'immaginario letterario, erano la lebbra, il vaiolo, la sifilide: non a caso malattie che sfigurano fisicamente e che erano considerate come la conseguenza evidente di una deformazione morale.

torna su

Modernità del tema

In epoca moderna il tema della malattia diventa ancora più significativo. Nel XIX secolo e durante i primi decenni del XX secolo, è soprattutto la tubercolosi che si carica di significati metaforici in letteratura. Questo perché è una malattia di cui si scoprì la causa solo molto tardi: una malattia, quindi, facilmente collegabile ad un significato secondo. A fianco della tubercolosi si trovano, più tardi, le malattie mentali e il cancro; recentemente anche l'AIDS.

In letteratura la malattia, la nevrosi, ecc., vengono trasfigurati da un processo di sublimazione: gli aspetti più umilianti, più ripugnanti di questi mali sono ignorati, mentre si evidenzia il loro valore sintomatico col quale si manifesta la grandezza d'animo. In breve: la malattia sta alla salute come l'artista, l'anima nobile sta all'uomo mediocre, al borghese.

La malattia prende dunque la forma di un rifiuto dell'ordine, dell'autoritÓ; di un'evasione dall'organizzazione perversa dei rapporti socio-economici: diventa sintomo di un malessere, di una mancata integrazione dell'individuo nella societÓ.

torna su

Qualche autore

Sono molti gli autori moderni legati al tema della malattia. Ne diamo qui di seguito una breve lista:

Alessandro Manzoni

Nei Promessi sposi vi sono tre capitoli dedicati alla peste del 1600. Qui, la malattia che distrugge l'ordine e la vita dell'intera città di Milano è metafora dell'irrazionalità, del guazzabuglio, del cattivo governo.

«Del pari con la perversità, crebbe la pazzia: tutti gli errori già dominanti più o meno, presero dallo sbalordimento, e dall'agitazione delle menti, una forza straordinaria...» (cap. 32)

«Il buon senso c'era, ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune» (cap. 32)

Thomas Mann

E' sopratutto nel romanzo La Montagna incantata che si svolge il tema della malattia. Qui, essa diventa un elemento che separa dal mondo della produttività, del lavoro, della guerra, e che permette una riflessione filosofico-esistenziale sulla condizione umana e la maturazione dell'individuo.

«La malattia è la forma impudica della vita. E la vita a sua volta? È forse soltanto una malattia infettiva della materia» (cap. 5)

«La malattia ti dà la libertà. Essa ti rende... ecco, ora mi sovviene la parola che non ho mai usata! Ti rende geniale» (cap. 5)

Kafka

Tema importante sopratutto al livello biografico: Kafka annota continuamente riflessioni sul legame tra la propria malattia (la tubercolosi) e il suo rapporto difficile con il padre e la fidanzata. In questo caso, la malattia è espressamente interpretata come la conseguenza e il simbolo delle condizioni interiori: sensazione di fallimento generale e desiderio di sentirsi integrato in famiglia e accettato dall'autorità paterna. Questi due elementi si ritrovano come costanti in tutta la sua produzione letteraria, dal Processo al Castello, dalla Metamorfosi alle novelle.

Pirandello

Oltre alla tisi, malattia frequente e simbolo di una personalità diversa da quella del borghese, in Pirandello è importante anche il tema della follia, sviluppato sia nei romanzi che nelle novelle più sperimentali. L'uomo in bilico tra il razionale e l'irrazionale, l'oggettività del reale contro la soggettività del ricordo e del sogno, l'integrità del mondo oggettuale contro lo spezzettamento dell'io sono tra gli aspetti pirandelliani più moderni che indicano il disagio dell'uomo razionale di fronte allo sfaccettamento e all'insicurezza di base della società moderna.

«Da quale remota lontananza i miei occhi, quelli che mi par d'avere avuti da bambino, guardano ora, sbarrati dal terrore, senza potersene persuadere, questo viso di vecchio? Io, già vecchio? Così subito? E com'è possibile?» (Una giornata)

«E gli altri? Gli altri non sono mica dentro di me. Per gli altri che guardano da fuori, le mie idee, i miei sentimenti hanno un naso. Il mio naso. E hanno un paio d'occhi, i miei occhi, ch'io non vedo e ch'essi vedono. Che relazione c'è tra le mie idee e il mio naso?» (Uno, nessuno e centomila)

Italo Svevo

Più che di vera e propria malattia si tratta qui di senilitÓ o inettitudine generale. I personaggi di Svevo sono diversi dagli altri perché individui sostanzialmente fallimentari. Nella Coscienza di Zeno, l'opposizione tra malattia e salute si basa sull'opposizione tra l'inettitudine e la sicurezza, dove le persone "in salute" sono quelle sicure di sé, forti, decise e fiduciose nella vita. Ma siccome l'attività e la sicurezza nel mondo non sono mai duraturi, la malattia appare alla fine come l'unico vero stato dell'intera società.

«Io sto analizzando la salute [di Augusta], ma non ci riesco perché m'accorgo che, analizzandola, la converto in malattia. E scrivendone, comincio a dubitare se quella salute non avesse avuto bisogno di cura o d'istruzione per guarire» (cap. 6)

Marcel Proust

La malattia in Proust è, la maggior parte delle volte, causa di un isolamento dal resto dell'umanità, e quindi della vita normale della produttività. Questo tema si svolge fin dall'inizio della Recherche attraverso la figura della zia del protagonista, Léonie, la quale sta sempre rinchiusa nella propria camera.

Jean-Paul Sartre

La malattia sartriana è La Nausea dell'uomo moderno, il quale scopre la "contingenza" dell'esistenza, cioè la sua ingiustificabilità, la sua irrazionalità. È nausea di fronte alla gratuità della vita, all'inutilità dell'uomo, alle modalità esistenziali fasulle della società borghese, retta sul lavoro, la produttività, il ricordo, la famiglia, il potere e i beni materiali (le proprietà).

«L'essenziale è la contingenza. Voglio dire che, per definizione, l'esistenza non è necessità. Esistere è esserci, molto semplicemente [...]. ...ecco la nausea; ecco quello che i Salauds [i borghesi] - quelli del Coteau Vert e gli altri - tentano di nascondere con la loro idea di diritto. Ma che povera bugia: nessuno ha alcun diritto; essi sono interamente gratuiti, come gli altri uomini, non riescono a non sentirsi di troppo»

Albert Camus

La Peste di Camus è un esempio moderno di ripresa di un tema antico, quello della malattia collettiva che investe un'intera città. In questo romanzo la malattia è metafora della guerra (guerre mondiali e guerre civili che devastano il mondo intero nella prima metà del Novecento), con tutto ciò che provoca: isolamento, allontanamento dai cari, problema della scelta tra impegno sociale e necessità individuali, tema della morte e dell'esilio.

«Alcuni di loro, come Rambert, arrivavano perfino a credere, lo si vedeva, che agivano ancora da uomini liberi, che potevano ancora scegliere. Ma, di fatto, si poteva dire a quel punto, in pieno agosto, che la peste aveva ricoperto tutto. Allora non c'erano più destini individuali, ma una storia collettiva che era la peste e dei sentimenti condivisi da tutti» (inizio parte III)

torna su

 


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina



I nostri blogger


Rosario Frasca
VAI AL BLOG

Elio Ria
VAI AL BLOG

Anna Stella Scerbo
VAI AL BLOG

Rosella Rapa
VAI AL BLOG



TORNA SU
www.letteratour.it