Letteratour
www.letteratour.it
ARTICOLO

Concorso TOURismi letterari
2008-2009

 

Nella categoria: HOME | Notizie in primo piano

Andrea Biggi e la Mediterraneità: nasce un blog interattivo dove più autori possono partecipare
Il turismo letterario nelle sue varie interpretazioni: i segnalati per merito

Andrea Biggi e la Mediterraneità:
nasce un blog interattivo dove più autori possono partecipare

CONCORSO
TOURISMI LETTERARI

IL VINCITORE:
ANDREA BIGGI
Il Treno
Vai al blog >>>
SEGNALATI PER MERITO:
MARIA CRISTINA NASCOSI SANDRI
Parco matitine
Vai >
ROSELLA RAPA
Canada, un paese da scoprire
Vai >
RENO BROMURO
La mia estate 2008
Vai >
GABRIELE NICODEMO
Sorridi, sei in Thailandia!
Vai >

 

Vincitore del concorso è Andrea Biggi, che con il suo racconto "Il treno" ci ha introdotti in un mondo da riscoprire, quello della mediterraneità. Un tema, questo, che ricorre troppo spesso negli ultimi tempi solo per sottolineare problematiche culturali, d'integrazione e diversità economiche, legate ad aspetti politici o religiosi.

Andrea ci presenta con questa brevissima narrazione un punto di vista, unico e soggettivo, di una delle tante vite che brulicano intorno al mare nostrum, come uno delle miriadi di lucine di vita, cariche della propria esperienza, del proprio passato, del proprio sguardo sul futuro, che animano i popoli che si affacciano sul Mediterraneo.
Un racconto che dà vita quindi a un personaggio-persona, e ne interpreta una fetta di esistenza in maniera del tutto parziale e - volutamente - distillata nella sua quintessenza spazio-temporale: come del resto non potrebbe essere altrimenti l'approccio di un turista, pur attento, pur curioso in senso intellettuale e umano, verso le migliaia di genti che incontra nei suoi viaggi.

Andrea dunque ha interpretato il tema del concorso attraverso una narrazione molto letteraria: vi è un narratore interno, che parla in prima persona e rappresenta quindi intimamente il suo personaggio. Lo sguardo dell'autore rimane fuori dalla narrazione, e lascia che sia il lettore a "incontrare", come ha fatto lui viaggiando, il suo personaggio.

La motivazione del Premio assegnato è duplice: da un lato per il riconoscimento artistico del racconto, dall'altro perché esso fa parte di un progetto più grande, che va oltre il Concorso stesso: il progetto di rappresentare, attraverso più racconti, più punti di vista, e anche più autori, un tema unico, quello del Mediterraneo. Come dice Andrea stesso:

Quello che ci spinge a scrivere questi racconti è l'idea, venutaci dopo alcune letture ed alcuni viaggi, che esista una sorta di anima del Mediterraneo. L'idea che questo mare, appartenente a tutte le genti che lo hanno abitato, possa essere raccontato attraverso piccole storie marginali.

Attraverso il blog che Letteratour metterà a disposizione di Andrea, intitolato appunto "Mediterraneo", speriamo di aiutarlo a realizzare il suo progetto: creare uno spazio dinamico dove più autori possano incontrarsi per arricchire, con il proprio contributo, questa "anima del Mediterraneo":

Per noi i protagonisti delle piccole storie raccontate rimarranno per sempre le persone con cui abbiamo parlato o di cui abbiamo incrociato lo sguardo, per il lettore no, saranno personaggi non ancorati alla realtà fisica ma solo alle parole scritte su di un foglio, la cui vita può restare sospesa indeterminatamente tra le nebbie dell'immaginazione. La speranza è che l'accostamento di tanti personaggi così diversi tra loro, così rapidi e volatili dia un'idea di questa anima.

>> Andrea vi aspetta sul blog MEDITERRANEO per arricchire il progetto con il vostro contributo.

torna su

Il turismo letterario nelle sue varie interpretazioni:
i segnalati per merito

4 i segnalati per merito per la loro partecipazione al Concorso: Maria Cristina Nascosi Sandri, Rosella Rapa, Reno Bromuro e Gabriele Nicodemo. 4 autori che ci hanno regalato un'interpretazione molto personale del tema del concorso, e che ci piace quindi accostare proprio per rilevarne le differenze, e quindi la polivalenza stessa del tema, dei modi di affrontarlo.

Maria Cristina Nascosi Sandri , con il suo racconto "Parco matitine", ha dato vita ad una narrazione classica, con un narratore esterno, che parla in terza persona e descrive un momento di vita particolarmente significativo della protagonista, una donna non ben identificata nella persona ma ben rappresentata nelle emozioni, nei pensieri, nell'interiorità.
Il racconto prende spunto da un evento casuale (un mercatino di bambini organizzato sulla spiaggia) per innescare una serie di pensieri nella protagonista, e soprattutto per introdurre, attraverso lo spunto fornito da una scatola di matite colorate, l'elemento del ricordo e dell'infanzia. È un racconto breve e conciso, senza preamboli, senza descrizioni, che sembra tratto da una narrazione che potrebbe essere ben più lunga, come fosse un pezzo scelto tra le tante maglie di una storia più complessa.

Rosella Rapa, con il suo racconto "Canada, un paese da scoprire", ha creato un vero e proprio documentario di viaggio, ricco di spunti, impressioni, consigli su un viaggio affrontato - e narrato - tappa per tappa. La narrazione è quindi più "scientifica" - si passi il termine - , meno "letteraria", come del resto ci si aspetta da un tipico racconto di viaggio.
Gli argomenti sono affrontati con dovizia di particolari e molte fotografie, e intercalati da impressioni e riflessioni dirette del narratore, che in questo caso coincide con l'autrice/viaggiatrice. Spicca il senso dell'emozione di Rosella a trovarsi in un paese tanto diverso dal nostro, per radici culturali e condizioni geografiche, e l'occhio è quindi sempre pronto a cogliere tutte quelle sfumature che del Canada fanno un posto d'eccezione per essere visitato da noi, abitanti del Vecchio Mondo.
[ > Leggi il racconto ]

Reno Bromuro, con il suo racconto "La mia estate 2008", aggiunge una nota inattesa al tema del premio: la suspense del giallo. Con un inizio standard e una storia che si delinea attraverso un narratore interno, si inscena una situazione familiare, dove il motivo del viaggio (i sogni, la ricerca del luogo dove andare) si intreccia a quello del rapporto con la moglie (i disaccordi, i bisticci quotidiani). Proprio questa premessa crea una situazione che sorprende il lettore, con un finale aperto in cui ci si trova di fronte a un delitto non bene identificato nella dinamica. Un delitto che resta, infatti, completamente da capire, tanto più che lo stesso narratore (essendo interno alla vicenda e parlando in prima persona) ci dà una sua versione dei fatti, assolutamente parziale e incompleta. Si rimane con il dubbio se davvero il protagonista è innocente, come si proclama nel racconto, oppure se non sfrutta la parola raccontata per dare dei fatti una versione diversa da quella realmente accaduta.
[ > Leggi il racconto ]

Gabriele Nicodemo, con il suo racconto "Sorridi, sei in Thailandia", ci riporta nel gusto del vero e proprio viaggio, con una narrazione meno letteraria e più lineare, portandoci a vivere un'esperienza personale vissuta durante un breve soggiorno in Thailandia. In maniera simile al racconto di Rosella, qui il narratore è interno e parla in prima persona, identificandosi facilmente con la stessa figura dell'autore che scrive e, così facendo, ripercorre assieme al lettore il viaggio passato. Sempre attento a descrivere i luoghi visitati, il narratore ci regala uno scorcio di esotismo attraverso gli occhi di un gruppo di giovani, e si sente lungo il racconto lo sguardo fresco e dinamico della giovinezza, la voglia di scoprire il più possibile di un luogo così diverso, l'attenzione verso gli aspetti "sociali", "umani" di un viaggio vissuto come una vera e propria vacanza.


Iscriviti alla Newsletter
Leggi le nostre Politiche sulla Privacy








Leggi anche:


Collabora!

Vuoi pubblicare un articolo o una recensione?
  Scopri come collaborare con noi


Condividi questa pagina


www.letteratour.it